Miglior Impastatrice Planetaria [Prezzi e Offerte TOP5]

Luisa Giordani 6/8/2020
Kenwood KMX750RD
299,99 €
Disponibilità immediata
Spedizione gratuita
Electrolux EKM5550
399,90 €
Attualmente non disponibile
Spedizione gratuita
MIGLIORE SECONDO ME
Freihafen SM-1504N
107,99 €
Disponibilità immediata
Spedizione gratuita
Klarstein Lucia
139,99 €
Disponibilità immediata
 
PRESTAZIONI TOP
Moulinex QA810D MasterChef
299,99 € - 349,99 € (-14%)
Disponibilità immediata
Spedizione gratuita

  • L’impastatrice planetaria è un attrezzo da cucina a dir poco magico. Il nome, che indiscutibilmente solletica la fantasia ed evoca suggestioni stellari, è dovuto al suo movimento che ricorda quello dei pianeti e che, più praticamente, permette di raggiungere ogni punto della ciotola in fase di miscelatura. Con l’aiuto di una buona planetaria si può portare in tavola di tutto: pane, pizza, torte, pasta fatta in casa, panna montata, salse o meringhe… Non c’è limite alla creatività in cucina ed è per questo che, per quelle come me che amano dilettarsi con impasti e ricette di ogni tipo, è uno strumento decisamente indispensabile.
  • Mi sono quindi attivata per selezionare 5 fra le migliori impastatrici attualmente presenti sul mercato basandomi sul wattaggio, sulla robustezza dei materiali, sulla presenza di varie velocità e sulla capienza del contenitore. Le prescelte sono state:
  • Al termine della mia indagine, basata anche sul rapporto qualità-prezzo, la Freihafen SM-1504N, si è qualificata come miglior impastatrice planetaria.
  • Se invece sei interessato/a ad una breve guida su come scegliere la miglior impastatrice planetaria, leggi qui; ho aggiornato questa sezione il 06.08.2020.

Kenwood KMX750RD

IMPASTATRICE PLANETARIA ANCHE A SPIRALE

La mia attenzione nei confronti di questa planetaria è stata attirata dalla presenza di tutte le caratteristiche che fanno di una impastatrice planetaria una buona impastatrice planetaria. Partendo da questo presupposto ho deciso di andare a fondo, alla scoperta di questo modello.

Il wattaggio

La potenza di 1000 Watt rientra nella media ed è il minimo richiesto per aver successo con gli impasti duri. Messa alla prova dei fatti la Kenwood ti permetterà di sfornare torte eccellenti e di rara sofficità.
Per quanto riguarda il pane e la pizza, invece, mi aspettavo di più e sono rimasta un po’ delusa. Il risultato finale è buono, ma, in fase di lavorazione, anche con ridotte quantità di impasto, la planetaria vibra parecchio e in alcuni casi sarai costretta a mantenerla fissa con le mani.

Gli attrezzi in dotazione - frusta a spirale

Le tre fruste, a gancio, a filo e a foglia svolgono bene il loro lavoro e, inoltre, possono essere completate da altri 20 accessori da acquistare separatamente nel caso si voglia dar libero sfogo alla propria creatività in cucina.
Tra gli accessori, ti consiglio di acquistare separatamente la frusta a spirale, ideale per impasti ad alta idratazione.

La ciotola

Realizzata in acciaio inossidabile, è anche dotata di un comodo manico che favorisce la presa. Il coperchio salvaspruzzo fa il suo dovere e, quindi, anche per quanto riguarda la sicurezza, la Kenwood supera l’esame. La capacità della ciotola, di ben 5 L per un corrispettivo di 2 kg di impasto, rientra fra i punti di forza.

La velocità

L’apposito attacco per le lavorazioni a bassa velocità è un fiore all’occhiello.

PRO
  • Possibilità di lavorazioni a bassa velocità.
  • Potenza di 1000 Watt.
  • Praticità della ciotola.
CONTRO
  • Vibra eccessivamente quando lavora impasti duri.

Electrolux EKM5550

LA PLANETARIA PER CHI VUOLE QUALCHE COSA IN PIÙ

Se sei lontano dall'accontentarti e pretendi il massimo dai tuoi elettrodomestici, compreso un design decisamente accattivante, questa è la planetaria giusta per te. La presenza di diversi accessori multifunzione e la successiva occhiata a un video in YouTube mi hanno convinto a studiarla e questi sono stati i risultati dell'indagine.

La solidità

Solida e silenziosa con ogni tipo di impasto, probabilmente grazie ai 1200 watt di potenza. L’unico peccato veniale riguarda il gancio per gli impasti duri che, durante la lavorazione, si muove leggermente.

Le fruste

Oltre alla frusta a gancio e a quella a filo la planetaria mette in campo anche una frusta piatta in silicone e una spatola. Gli ingredienti vengono mescolati alla perfezione, senza esclusioni.

Le ciotole

In questo caso sono due, da 2,9 L e da 4,8 L. Le misure diverse le rendono adeguate a differenti quantità.
Realizzate in acciaio inossidabile, sono dotate, oltre che del coperchio paraspruzzo, anche di un apposito coperchio per favorire la lievitazione e di una luce a Led che dà modo di verificare lo stato di lavorazione dei composti anche in caso di scarsa illuminazione.

La velocità

La planetaria mette a disposizione 10 livelli di velocità sequenziali che permettono di ottimizzare ogni tipo di lavorazione. La manopola con luce a Led assicura sempre una buona visibilità.

PRO
  • Due ciotole di misure diverse.
  • 1200 Watt di potenza.
  • Illuminazione a Led.
  • Frusta piatta in silicone.
CONTRO
  • Leggero movimento del gancio lavorando gli impasti duri.

Freihafen SM-1504N

LA MIGLIOR IMPASTATRICE PLANETARIA SECONDO ME

La prima cosa che mi ha colpito di questa impastatrice planetaria è stato il prezzo piuttosto contenuto rispetto all’idea della sua qualità che, a seguito di una prima indagine, mi stavo facendo.
Sono stata subito incuriosita da quello che pareva essere un matrimonio perfetto e ho deciso di andare più a fondo per scoprire se, dietro a questa immagine idilliaca, qualche cosa mi sfuggiva. Ecco come è andata.

Il motore

Ho deciso di valutare subito la planetaria con una serie di composti differenti. Il motore, con una potenza di ben 1400 Watt, sostiene senza alcun problema qualsiasi tipo di impasto. Anche con quelli più duri il processo procede senza intoppi, le fruste raggiungono ogni punto della ciotola e la macchina non accusa sforzi o vibrazioni eccessive.

La stabilità

Decisamente apprezzabile la presenza di piedini a ventosa che stabilizzano la macchina anche quando funziona alla massima potenza. Inoltre, questo semplice, ma efficace accorgimento contribuisce significativamente a creare un appoggio sicuro.

La sicurezza

Il calore sui lati e sul fondo viene dissipato tramite un apposito sistema. In caso di surriscaldamento o di sovraccarico la planetaria si arresta in modalità automatica.

La ciotola

La ciotola, anche in questo caso in acciaio inox e dotata di due comodi manici, può essere tranquillamente messa in lavastoviglie. Il coperchio con la sicurezza paraspruzzo è trattato anche con una protezione antigraffio che allontana nel tempo l’eventuale usura. La capienza di 5,5 L è più che soddisfacente per oltre 2 kg di impasto.

La velocità, le fruste e la pulizia

Sono 6 le velocità a tua disposizione per miscelare e impastare in modo adeguato ogni composto. Come negli altri casi sono presenti le tre fruste classiche e puoi facilmente rimuovere ogni singolo pezzo per facilitare le operazioni di pulizia.

PRO
  • Motore a 1400 Watt perfetto anche per impasti duri.
  • Stabile anche al massimo della potenza.
  • Ottima capienza della ciotola.
CONTRO
  • Le istruzioni sono solo in tedesco e in inglese.

Klarstein Lucia

LA IMPASTATRICE PLANETARIA PER PIZZA E CARNE TRITA

Un buon wattaggio, tanti attrezzi, velocità regolabili, stabilità… Sembra esserci tutto quello che serve. Proviamo a dare un'occhiata!

Il motore

La macchina è sostenuta da un buon motore da 1200 Watt e quindi, anche in questo caso, l’impasto della pizza o del pane va incontro a un sicuro successo e la massa di pasta viene spinta continuamente verso l’interno.

Gli attrezzi

La planetaria, oltre alla frusta a spirale per lavorare le masse morbide, il gancio a spirale per il pane e la frusta a foglia per mescolare l’impasto in modo ottimale, mette in campo anche il tritacarne, eccellente per fare le salsicce. Gli stampi per la carne sono una piacevole sorpresa che consente di arricchire la tavola con tanti secondi piatti.

Facilità d’uso

Il braccio multifunzione è dotato di un meccanismo di apertura ribaltabile verso l’alto. In questo modo utilizzare la terrina e i ganci è molto più semplice e veloce.

Recipienti e materiali

La ciotola, da 5 L, è provvista di paraspruzzo di sicurezza. Buono il materiale di realizzazione, in acciaio inox.
Ottimo anche il frullatore in vetro, igienico e facile da pulire. Può essere utilizzato anche mentre la planetaria impasta.
Purtroppo il materiale del corpo della macchina non è all’altezza del resto perché, anziché essere in robusto metallo, è in plastica rifinita con lucidatura.

Stabilità

Anche in questo caso la presenza di piedini antiscivolo regala una buona stabilità alla macchina durante le varie lavorazioni.

Velocità

La velocità della planetaria può essere impostata su 6 differenti livelli. Offre quindi un buon ventaglio di scelta che permette di trovare la modalità più adatta per il tipo di composto in lavorazione.

PRO
  • Buona potenza del motore.
  • Piedini antiscivolo.
  • Velocità regolabili.
CONTRO
  • Corpo in plastica.

Moulinex QA810D MasterChef

LA MIGLIOR PLANETARIA CON MISURA XXL

Questa planetaria che ho voluto prendere in esame mi ha incuriosito a causa delle dimensioni extra large del recipiente. Andando ad approfondire mi sono trovata di fronte anche ad altre particolarità. Di seguito tutto quello che so su questo modello.

La ciotola

Il recipiente da 6,7 L, che contiene in una sola volta fino a 2,2 kg di impasto per il pane e 2,6 kg di impasto per i dolci, è il vero punto di forza della macchina. Se hai una famiglia numerosa puoi risparmiare davvero tempo e fatica.
Purtroppo il motore, che con una potenza di 1500 Watt dovrebbe essere in grado di reggere senza sforzo il compito, quando lavora carichi pesanti vibra e fa rumore.

Doppio movimento

Tutto sembra essere maggiorato in questa Moulinex, compreso il movimento planetario che, infatti, è duplice. L’utensile per la miscelazione e la testa del robot ruotano in direzioni opposte. In tempi molto rapidi la miscelazione ne esce ulteriormente ottimizzata, il composto è omogeneo e si può far conto su risultati eccellenti.

Materiali

Il robot da cucina ha struttura e finiture in metallo pressofuso. La robustezza è quindi assicurata mentre la piacevolezza del design è sostenuta dall’effetto specchio della ciotola. Anche il kit di impasto e di miscelazione è realizzato in metallo di elevata qualità ma le lame sembrano essere un po’ leggere. Peccato anche per il coperchio della ciotola che è in plastica.

PRO
  • Grande capacità del recipiente.
  • Doppio movimento planetario.
  • Struttura in metallo pressofuso.
CONTRO
  • Vibra ed è rumorosa con carichi pesanti.
  • Il coperchio della ciotola è in plastica.

Come Scegliere la Migliore Impastatrice Planetaria

La scelta di un’impastatrice planetaria capace di far dialogare fra loro la qualità con il prezzo dà soddisfazione e risolve tanti problemi in cucina.
Certo occorre valutare che possieda alcune caratteristiche e funzioni in grado di condurre a risultati eccellenti, che si concretizzano in deliziose preparazioni da portare in tavola ottenute rapidamente e con minore fatica. Ho capito, durante la mia indagine, quali sono i parametri da considerare e voglio condividerli con te.

Perché è importante il wattaggio

Cosa si intende per wattaggio? La potenza dell’impastatrice planetaria prende il nome di wattaggio. Quando si tratta di impastare composti piuttosto resistenti come quelli del pane, della pizza o della pasta è necessario poter contare su un wattaggio alto.
Usando un wattaggio basso con lavorazioni di questo tipo, oltre a non ottenere buoni risultati potresti addirittura veder salire del fumo dalla tua nuova planetaria. Meglio, quindi, evitare modelli che hanno una potenza inferiore ai 1000 watt. In altre parole, più alto è il wattaggio, meglio è.

Con varie velocità si fa di tutto

Se hai un minimo di esperienza in cucina, saprai già che ogni preparazione richiede una lavorazione differente. Se per l’impasto per la pizza occorre utilizzare una certa velocità, la maionese ne reclama un’altra.
Ottime, quindi, le impastatrici planetarie che mettono a disposizione un buon numero di velocità senza, tuttavia, cadere nell'eccesso opposto. Da 3 a 6 sono la quantità giusta. Tenendone conto ti assicuri, oltre a buoni risultati, anche tanto divertimento nello sperimentare piatti di ogni tipo.

I materiali devono essere robusti

Ti ho spiegato che la potenza è importante ma, naturalmente, deve essere affiancata anche dalla robustezza e dall’eccellenza dei materiali impiegati. Una buona potenza accompagnata da materiali scadenti porta a un rapido logorio dell’apparecchio.
Ti consiglio di rivolgerti preferibilmente a prodotti con ciotola, fruste, ganci e altre componenti realizzate in acciaio. Questo materiale, oltre a essere atossico, si pulisce con facilità, non si deteriora velocemente nel tempo e si adatta bene a lavorazioni a differenti temperature. Ottimo anche il vetro per il frullatore e il silicone per le spatole.

Esistono buoni prodotti molto economici?

I prezzi sono molto variabili ma, proprio per l’importanza della qualità dei materiali di costruzione, è impossibile pretendere una buona planetaria a costi davvero stracciati. Tuttavia, tenendo ben saldo il principio del rapporto qualità prezzo, puoi comunque orientarti su un ventaglio di prodotti ottimi a un costo più che accettabile.

Quanti kg di impasto deve poter lavorare?

Anche la capacità di trattare una sufficiente quantità di impasto è un dato che devi prendere in considerazione per poter disporre di un prodotto soddisfacente e quindi, prima dell’acquisto, devi aver ben chiare in mente le dosi che servono solitamente alle tue esigenze.
Utilizzare una quantità di composto superiore a quella indicata nelle istruzioni potrebbe rovinare la tua planetaria. In ogni caso è preferibile non scendere al di sotto dei 2 kg, che corrispondono a una ciotola con 5 L di capacità.

Cosa serve per la sicurezza?

La presenza del coperchio salvaspruzzo garantisce la sicurezza dell’apparecchio, perché impedisce di infilare inavvertitamente le mani all’interno dell’impastatrice quando questa è in azione. Anche la funzione che ferma l’apparecchio nel momento in cui sollevi il braccio è una garanzia aggiunta.

Attenzione alla stabilità

La stabilità della macchina durante la lavorazione rientra fra i parametri che ho preso in considerazione. Una planetaria troppo leggera o priva di un buon appoggio rischia di dare problemi di instabilità in fase di utilizzo, specialmente quando deve trattare impasti duri.
Ottime le planetarie dotate di piedini ventosa.

Caratteristiche delle fruste

Prima dell’acquisto è bene accertarsi che la macchina abbia in dotazione le tre fruste essenziali:

  • Frusta a gancio: utile per impasti come pasta all’uovo o pasta frolla che hanno una consistenza dura. Serve anche per sbriciolare i biscotti o schiacciare le patate. Verifica che il gancio sia pesante, solido e grande.
  • Frusta a filo: perfetta per montare panna e albumi, per preparare la maionese o per fare dolci soffici come i muffin. La dimensione del filo è importante e deve adattarsi bene alla grandezza della ciotola per evitare che parte dell’impasto rimanga sul fondo.
  • Frusta a foglia: anche in questo caso la grandezza della foglia deve consentire di poter raccogliere l’impasto dalla ciotola. Serve per gli impasti lievitati come pizza, babà, brioche e crespelle.

Differenza tra impastatrice e planetaria

Una semplice impastatrice svolge unicamente questa funzione e, per questo, è spesso destinata ai panifici. La planetaria, al contrario, fa di tutto.
Con un solo macchinario il ventaglio delle preparazioni possibili è davvero molto ampio ed è quindi perfetta per chef casalinghi. Il particolare movimento delle fruste consente un’omogenea lavorazione degli impasti.

In conclusione

Pur considerando ottime tutte le impastatrici planetarie esaminate ho assegnato la coppa della vittoria alla Freihafen SM-1504N perché ha un eccellente rapporto fra qualità e prezzo. Più economica rispetto alle altre, rispetta alla grande i requisiti che mi sono proposta di valutare.

Ha un motore di buona potenza, è stabile durante l’uso (ha mantenuto questa sua caratteristica anche con gli impasti duri al massimo della potenza). La possibilità di regolare la velocità, la buona capienza della ciotola, il rispetto dei requisiti di sicurezza e la buona attrezzatura in dotazione hanno fatto il resto.

Mi piacerebbe avere un tuo parere in proposito. Sei d'accordo con la mia classifica?

Commenti