Windows 10 a quota 200 milioni di dipositivi

Sistemi OperativiWorkspace
0 1 Non ci sono commenti

Microsoft fa il punto sulla diffusione di Windows 10 e il bilancio si fa positivo, con tassi di crescita superiori a Windows 7 e 8. Bene il mondo consumer ma anche imprese e settore education.

Secondo Microsoft la diffusione di Windows 10 sta procedendo a pieno ritmo: Yusuf Mehdi, Corporate Vice President of Marketing for Windows and Devices della società, ha comunicato che alla data di ieri il nuovo sistema operativo risultava installato in 200 milioni di dispositivi. E si tratta di dispositivi “veri”, nel senso che la cifra si riferisce al numero di device attivi nel mese precedente, non solo ai numeri delle installazioni.

Secondo Mehdi la crescita di Windows 10 è la più rapida tra i sistemi operativi lanciati di recente da Microsoft: ha superato quella di Windows 7 di circa il 140 percento e quella di Windows 8 di quasi quattro volte. La spinta recente è venuta dai PC consumer, almeno sul mercato statunitense grazie alle vendite di PC del Black Friday. Ma Microsoft sottolinea anche che Windows 10 sta trovando diffusione nelle imprese, con il 76 percento degli utenti enterprise che ha progetti pilota attivi con Windows 10, e nel mondo education. Combinati insieme, i settori enterprise ed education assommano a oltre 22 milioni di dispositivi Windows 10.

Satya Nadella Windows 10Accanto a questi numeri “macro” Microsoft ama comunicarne altri che danno il senso della diffusione di Windows 10 ma sono di tipo meno “formale”. In questo caso ora sappiamo che nel mese di dicembre è stata superata la soglia degli 11 miliardi di ore-uomo spese usando Windows 10 e di questo lasso di tempo circa 44,5 miliardi di minuti sono stati spesi usando il browser Edge. Il nuovo Windows sta inoltre portando più ricerche a Bing delle versioni precedenti (circa il 30 percento in più) e Cortana ha risposto a oltre 2,5 miliardi di domande dal momento lancio.

Microsoft può mettere nel bilancio positivo di Windows 10 anche un raddoppio del fatturato del Windows Store e le buone prospettive di Surface Book, che ora è disponibile per i preordini anche in Austria, Australia, Gran Bretagna, Francia, Germania, Svizzera e Nuova Zelanda. Le prossime nazioni coinvolte dopo queste saranno Giappone e India.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore