Windows Server 2008 Pronti… Via!

Workspace
0 0 Non ci sono commenti

Oggi debuttano Windows Server 2008, Visual Studio 2008 e SQL Server 2008. E’ il lancio più importante di Microsoft, per quest’anno, e rappresenta il nucleo di tutta la piattaforma server, uno degli ambiti in cui Microsoft cresce di più (fonte Idc). Ecco le tappe del rilascio, aspettando SQL Server 2008 che sarà disponibile solo in autunno. Con Windows Server 2008 Microsoft entra nel mercato della virtualizzazioneWindows Server 2008 al debuttoBLOG: Se Vista fosse come Windows Server 2008PRIME IMPRESSIONI: Windows Server 2008In Microsoft i nuovi eroi della virtualizzazioneMicrosoft diventa open, o almeno più interoperabileWindows Server 2008 con SP1 sarà pari a Windows VistaWindows Server 2008 e Vista Sp1 in produzioneVisual Studio 2008 a scaffaleSQL Server 2008 slittaWindows Server 2008 RC1 in downloadWindows Server 2008 in otto versioniIl software di virtualizzazione: Hyper-VMicrosoft pensa al clustering dei server

La strada dello sviluppo di Windows Server 2008 è stata segnata dall’attenzione per il nuovo sistema di virtualizzazione Hyper-V. Microsoft è convinta di aver recuperato lo svantaggio e di confrontarsi ad armi pari con Vmware, per quanto sia ancora un passo indietro per quanto riguarda la migrazione “live” delle macchine virtuali.
Alla base di Windows Server 2008, inoltre, c’è la nuova concezione dell’architettura software, secondo la quale ciò che non serve, non deve essere installato. L’amministratore gestisce il sistema attraverso Windows Server Manager e, volendo, può ridurre ai soli servizi per lui essenziali la superficie d’attacco, aumentando così il livello di sicurezza. La modularità, riscontrabile anche nell’integrazione con Windows Server 2008 di Information Server IIS 7.0, è quindi la seconda pietra miliare.

Ma gli ultimi avvenimenti ci portano a individuare altri due fattori chiave che potranno giocare un ruolo significativo sul mercato. Il primo è il “riallineamento” con il sistema operativo client Windows Vista per il quale è pronta oramai la SP1, il secondo – ma di fondamentale importanza – l’apertura di Microsoft all’interoperabilità, con la pubblicazione delle API e dei protocolli di comunicazione dei prodotti, compresi i più importanti della piattaforma server.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore