ComputerWorkspace

Windows 7/8 e CPU Skylake: si allunga il supporto

windows 10
0 0 Nessun commento

Le CPU Skylake supporteranno Windows 7 e 8.1 un anno in più del previsto e le patch di sicurezza sono garantite sino al 2020 e 2023, rispettivamente

Qualche tempo fa Microsoft aveva annunciato che la convivenza tra le nuove CPU Skylake e le versioni di Windows precedenti alla 10 non sarebbe stata semplice, perché solo l’ultima versione del sistema operativo riusciva a sfruttare appieno le caratteristiche dei processori di ultima generazione mentre mantenere Windows 7 e 8 compatibili con le CPU richiedeva uno sforzo che non era giudicato del tutto giustificato, specie a medio termine.

L’obiettivo è chiaramente quello di spingere gli utenti all’aggiornamento dei loro sistemi, ma specie nelle imprese la cosa non è affatto ovvia e alcune aziende non hanno assorbito poi da tanto – secondo le tempistiche aziendali – il passaggio a Windows 7 e Windows 8.1. E Windows 10 non è un aggiornamento banale, per molti versi. Anche per questo Microsoft insieme ai suoi partner a gennaio ha presentato un elenco di sistemi Skylake indicando che questi avrebbero potuto supportare Windows 7 e 8.1 fino a circa metà luglio 2017. Si trattava praticamente di un anno e mezzo di supporto, troppo poco se pensiamo alle necessità delle imprese che hanno molti PC con attualmente Windows 7.

Dell Latitude 5000
I Dell Latitude 5000 sono tra i sistemi che possono fare da “ponte” per Windows 7 e 8.1

Ora Microsoft, proprio “in risposta al feedback degli utenti”, ha modificato i termini di questo supporto e ha spiegato un po’ più chiaramente cosa comporta. Innanzitutto il supporto è stato esteso di un anno sino al 17 luglio 2018, un lasso di tempo più congruo con le necessità delle imprese. Poi è stato chiarito che i sistemi con CPU Skylake riceveranno tutte le patch critiche anche se con Windows 7 e 8.1 e fino al termine del supporto mainstream, quindi fino a gennaio 2020 per Windows 7 e gennaio 2023 per la versione 8.1. Chi deve continuare a usare i “vecchi” sistemi operativi dopo il supporto iniziale ha quindi almeno la certezza di non essere travolto da vulnerabilità non corrette.

Inoltre il numero dei computer portatili e desktop considerati da questo supporto esteso è aumentato e ora i produttori coinvolti sono tredici. Ai quattro iniziali (Dell, HP, Lenovo e NEC) si sono aggiunti Acer, Asus, Epson, Fujitsu, LG, Panasonic, Samsung, Toshiba e Vaio.

Non cambia la visione del dopo-Skylake. A partire dalle prossime CPU l’hardware supporterà solo la versione più recente di Windows al momento del rilascio dei nuovi processori. Questo significa ad esempio che solo Windows 10 sarà supportata dai processori Intel Kaby Lake, AMD Bristol Ridge e Qualcomm 8996.

TechweekEurope è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Techweekeurope l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche TechWeekEurope realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Seguici