Migliorare l’efficienza grazie al 3D

Workspace
0 0 Non ci sono commenti

Il passaggio dal Cad 2D a quello 3D ha permesso a Primon Automazioni di
ridurre i tempi di progettazione e di aumentare la produttività

Azienda con 35 dipendenti, Primon Automazioni opera nel settore dell’automazione industriale, producendo macchine automatiche per l’assemblaggio di componenti meccanici, impianti robotizzati e manipolatori industriali per il carico e lo scarico sulle macchine utensili dei pezzi da realizzare e banchi industriali automatizzati per il controllo dei pezzi realizzati. Il principale mercato dell’azienda è costituito dalle imprese che operano nel settore della rubinetteria e che risiedono nel distretto di Verbania in Piemonte, dove Primon ha la sua sede.

Le macchine realizzate da Primon sono caratterizzate da un elevato livello di personalizzazione e di specializzazione. L’ideazione e la progettazione richiedono quindi una conoscenza approfondita del settore e dei processi delle imprese clienti. E l’elevato numero di variabili e di parametri da considerare in fase di progetto e di personalizzazione non consentono una standardizzazione delle macchine e una produzione a catalogo.

L’attività di progettazione riveste perciò un ruolo chiave per Primon e viene realizzata internamente, mentre la produzione dei componenti che costituiscono la macchina è eseguita in outsourcing da aziende terze certificate. Le successive attività di assemblaggio e cablaggio della macchina, di sviluppo del software di controllo, di collaudo e di installazione presso i clienti sono realizzate interamante da Primon Automazioni.


L’ufficio progettazione è composto da dieci tecnici
: cinque si occupano della meccanica delle macchine operando su stazioni Cad 3D, due si occupano della parte elettromeccanica attraverso l’utilizzo di software sviluppati ad hoc, mentre gli altri si fanno carico dei software di controllo delle macchine. Le tre aree sono dirette da un responsabile, che coordina direttamente anche i progettisti meccanici, e da due suoi collaboratori.

Per quando riguarda l’ambiente Cad
, a fronte della necessità di aumentare l’efficacia e la tempestività della progettazione, nel 2003 l’azienda ha deciso di provare a utilizzare una soluzione 3D: la scelta è caduta su Autodesk Inventor 3D. Il passaggio a dal 2D al 3D ha consentito un’evidente riduzione dei tempi di progettazione e un aumento dell’efficacia grazie alla possibilità di effettuare simulazioni particolarmente realistiche del funzionamento dei macchinare che consentono, tra l’altro, di verificare già in fase di progettazione i tempi e le modalità di usura delle parti di ricambio delle macchine. Il Cad 2D non permetteva di effettuare tali simulazione e quindi nemmeno di selezionare i componenti migliori da impiegare nella realizzazione delle macchine e prevederne la vita utile. Ora Primon sta procedendo con l’aggiornamento di tutte le postazioni.

L’introduzione di una nuova tecnologia di progettazione ha indotto la società a valutare l’opportunità di altri cambiamenti. Il passo successivo è stata una radicale ristrutturazione del sistema informativo aziendale. Fino allo scorso anno, Primon Automazioni utilizzava un sistema gestionale che, a causa della tecnologia ormai obsoleta, presentava alcune criticità, prima fra tutte l’impossibilità di scambiare dati con le nuove postazioni Cad 3D. Per cui, al termine della progettazione di ogni nuova commessa, era necessario inserire manualmente nel gestionale la distinta base realizzata dall’ufficio tecnico, con una consistente perdita di tempo e un elevato rischio di errori.

Attualmente, la società sta procedendo alla sostituzione del vecchio gestionale con un Erp: l’obiettivo è gestire in modo automatico il trasferimento di dati con le postazioni Cad 3D. Ma anche di supportare al meglio tutti i processi aziendali.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore