Le tariffe europee sul roaming abbassano di molto le bollette

Workspace
0 0 Non ci sono commenti

Uno studio condotto dall’Erg dimostra come l’accordo tariffario trovato
qualche mese fa porti a un taglio di costi fino al 60%.

Secondo uno studio elaborato dall’Erg (European Regulatory Group) e della Commissione Europea, l’applicazione dell’eurotariffa sul roaming ha contribuito a ridurre mediamente del 60% le bollette legate alla telefonia mobile dei consumatori. Il 30 giugno scorso, infatti, la Commissione Europea ha deciso di stabilire una tariffa massima di 0,49 euro al minuto per le chiamate e di 0,24 euro al minuto per la ricezione delle chiamate nei 27 paesi membri dell’Ue. La decisione aveva provocato una decisa levata di scudi da parte di molti fornitori di telefonia mobile.

In un comunicato, la Commissione si compiace del fatto che, ?nel loro insieme, gli operatori telefonici hanno attivato, proposto e messo a disposizione di tutti i loro abbonati mobili un’eurotariffa, a partire dal 30 luglio, rispettando così gli obblighi normativi che li riguardano?. Secondo lo studio, al 30 agosto, 200 milioni di abbonati continentali avrebbero beneficiato dell’eurotariffa, e 400 milioni dovrebbero beneficiarne nel corso dell’autunno.

Con qualche sorpresa, dall’analisi emerge che alcuni operatori praticano tariffe anche più basse di quanto imposto dalla Commissione. È il caso, ad esempio, dell’Olanda, dove si spendono 0,20 euro tanto per le chiamate che per le ricezioni.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore