In ritardo di un anno il processore Rock di Sun

Workspace
0 0 Non ci sono commenti

Procedono a rilento gli sviluppi architetturali della casa californiana

È ormai più o meno ufficiale che non sarà possibile attendersi per quest’anno nuovi sistemi Sun animati dal processore Rock UltraSparc Rk. Il ritardo annunciato sul rilascio sarà di circa un anno e quindi occorrerà focalizzarsi sull’ultima parte del 2009.

Questa dilazione potrà avere conseguenze serie se Intel e Ibm mantengono le rispettive roadmap. La prima ha previsto la commercializzazione di un Itanium quad core, conosciuto con il nome in codice di Tukwila, per la fine del 2008. La seconda è già impegnata in fase di prelancio della nuova gamma di processori Power6.

L’ampiezza del ritardo è proporzionale alle ambizioni del Rock UltraSparc. Si tratterà, infatti, di un processore dotato di sedici core, ciascuno capace di gestire due thread. A queste caratteristiche avveniristiche, si aggiungono la possibilità di indirizzare una memoria detta “transazionale” e altre feature che piazzano la Cpu molto avanti rispetto a Niagara (UltraSparc T2), che già era stata una piccola rivoluzione.

Sun afferma che le prestazioni del T2 consentono di pazientare ancora diciotto mesi. Di fatto, però, la società potrebbe scontare il lungo periodo di vuoto nella presentazione di novità architetturali e i dubbi che trapelano dai laboratori di ricerca, già incapaci di portare a termine lo sviluppo dell’UltraSparc V.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore