Hp innesta Neoware nella gamma thin client

Workspace
0 0 Non ci sono commenti

Con i desktop t5730, t5735 e il portable 6720t la società di Palo Alto amplia la gamma lanciando equipaggiamenti Linux ed Xpe based

Con tre nuovi modelli, due dei quali vanno ad arricchire la gamma high-end della fascia desktop mentre il terzo fa parte di quella portatile, Hp capitalizza l’acquisizione della rivale Neoware avvenuta lo scorso anno.

t5730, infatti, gira su kernel Xp Embedded (Xpe) Microsoft e t5735 è basato su Linux, a dimostrazione dell’avvenuta fusione tra le due linee di prodotto, che vedevano il brand Hp forte s Windows a differenza di Neoware orientato verso il sistema operativo del Pinguino. La Cpu è motorizzata Amd mentre la Gpu è Ati, ora parte della stessa Amd; scelta per altro non insolita per le versioni high-end della casa di Palo Alto, che punta a soluzioni Via-based solo per le versioni di fascia bassa. Neoware invece, ha un’offerta tutta in chiave Via. Entrambi i modelli, che integrano connettività wireless, offrono supporto dual monitor nativo, nonché supporto per schermi widescreen.

La versione mobile si chiama invece 6720t, è motorizzata Intel Celeron e rappresenta una prima linea nel catalogo Hp, anche se Neoware già dal 2006 offriva soluzioni portable equipaggiate sia Linux che Xpe, motorizzate però con chipset Via. Secondo il portavoce ufficiale, la maggior parte del business realizzato nel segmento portable da Hp è stata fatta sulle linee corredate da Xpe, in virtù della sua predisposizione alle tecnologie wireless e questo ha spinto il management a mettere in pista la nuova soluzione.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore