Cisco debutta con la specifica 802.11n

Workspace
0 0 Non ci sono commenti

L’access point Aironet 1250 è il primo che supporta l’ultima evoluzione dello
standard Wi-Fi.

Cisco si era pronunciata contro la commercializzazione di prodotti basati sul protocollo 802.11n, standard per il Wi-Fi ad alta velocità che è ancora al centro di un’intensa lotta di potere. Invece, l’azienda californiana è tornata sulla propria decisione, affermando che i progressi realizzati permettono di proporre un prodotto in grado di tutelare l’investimento degli utenti.

È così che debutta l’access point Aironet 1250, un dispositivo appunto basato sull’802.11n, che può essere aggiornato anche sul sito utente. Il costruttore dichiara che l’access point, posizionato al prezzo di 1.300 dollari, può raggiungere una velocità teorica di 300 Mbit/s. L’attuale standard 802.11g consente di arrivare al massimo a 54 Mbit/s.

Va ricordato che l’adozione delle specifiche connesse allo standard wireless 802.11n ha visto affrontarsi due gruppi di pressione: da un lato TgnSync, guidato da Intel e dall’altro World-Side Spectrum Efficiency, raggruppato attorno a Airgo.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore