AppleMobilityWorkspace

iPad Air, le buone ragioni per fare subito upgrade

Apple iPad Air
0 0 Nessun commento

IN PROVA – Più sottile e più leggero di sempre iPad Air è il punto di riferimento nel mondo dei tablet. Con un prezzo tra 479 e 869 euro con LTE e 128 Gbyte di memoria flash c’è una versione per ogni esigenza

iPad Air propone il meglio di quanto oggi si possa chiedere a un tablet. Con il suo spessore di appena 7,5 mm e il peso inferiore a 500 grammi, iPad Air nella nostra esperienza di utilizzo è davvero il tablet Apple migliore di sempre e senza dubbio ha tutte le carte in regola per essere il miglior tablet in assoluto.

In casa Apple, gli iPhone sono smartphone, i MacBook sono laptop, e gli iPad sono tablet. Non c’è spazio, almeno fino ad oggi non ce ne è stato, per gli ibridi e per i phablet, secondo una filosofia molto semplice e condivisibile: ogni dispositivo può servire alla perfezione per una sola tipologia di utilizzo alla volta. Come i nuovi MacBook Pro anche iPad risponde ancora a questa filosofia.

Altre scuole di pensiero propongono tavolette con un peso intorno agli 800-900 grammi, con la dotazione di interfacce (per esempio connettori USB e micro HDMI) comode nel caso in cui si voglia utilizzare il tablet innestato su una tastiera come laptop, o da collegare al televisore, ma l’esperienza insegna che un tablet di peso è scomodo e che una dock con tastiera per scrivere, se non è perfetta, non permetterà né di utilizzare bene il tablet, né di lavorare bene come consente di fare un laptop.

La via di Apple per fare interagire la propria tavoletta con altri device, invece, non passa se non in pochi casi, per connessioni fisiche, si sa.  Non si vuole qui teorizzare che sia impossibile realizzare un ottimo ibrido, ma certo si vuole sottolineare che è molto difficile conciliare ergonomia, potenza, espansione in un unico device perfetto per ogni funzione.

Apple iPad Air con le cover
Apple iPad Air con le cover. con iPad Air, arrivano – originali Apple – non solo le cover per il display ma anche le custodie avvolgenti. Il prezzo varia tra 39 e 69 euro

Apple iPad Air, un salto in avanti

Apple con iPad Air ha diminuito ingombri e peso, senza ridurre la diagonale del Retina Display (9,7″2048×1536 con densità 264 pixel per pollice) e senza rinunciare alle prestazioni. Il chip A7 è in grado di erogare prestazioni fino a due volte superiori, anche nel comparto grafico, senza incidere sulla durata della batteria (che pure è più piccola), che permette ancora un utilizzo misto intorno alle 10 ore. La doppia antenna per il WiFi, con tecnologia Mimo, e il supporto pressoché completo per le bande LTE, fanno di iPad Air un riferimento anche per la connettività, in ogni sua forma, davvero alla portata di tutti. Bisogna però rimarcare il mancato supporto per lo standard ac (sono supportati Wifi a/b/g/n) e probabilmente avrebbe contribuito ulteriormente al placet dei consumatori anche il supporto per Nfc.

Con iOs 7 ora iPhoto, iMovie, GarageBand, Pages, Numbers e Keynote sono gratuiti, come già con Mac Os Mavericks. Ultimo rilievo, ma non meno importante, è l’architettura a 64bit con il chip A7 che lavora con il coprocessore M7. Il chip A7 è un dual-core Armv8 a 1,4 GHz (quindi con una frequenza di clock appena superiore a quella di iPhone 5s), la grafica supporta supporta OpenGL ES version 3.0, Ram 1 Gbyte. Ne beneficiano le applicazioni, tanto più quelle dedicate al business, e l’intero sistema. Infine, Apple porta per la prima volta su un iPad la memoria a 128 Gbyte.

ipad Air
Sul nuovo iPad Air manca Touch ID, il riconoscimento con l’impronta digitale

iPad Air, quale scegliere. Una guida

I prezzi  per portarsi a casa iPad variano da 479 euro (16 Gbyte solo WiFi) a 869 euro (128 Gbyte con WiFi+LTE). Chi è già abituato a utilizzare i servizi cloud e a centralizzare la memorizzazione dei contenuti, potrebbe anche limitarsi a un disco da 32, massimo 64 Gbyte, privilegiando invece la connettività ovunque, senza doversi portare appresso modem wifi o abilitare il tethering da smartphone. Chi utilizza invece il tablet come ‘seconda casa’, oppure è giocatore incallito su più titoli, e va in vacanza con un film per ogni serata,  allora è meglio che non  risparmi sullo storage, ma rinunci alla connettività. Basta tenere come riferimento che il modulo 3G/LTE costa sempre 120 euro in più rispetto alla versione solo WiFi, e non sono davvero pochi, no davvero, poi c’è una soluzione per ogni bisogno.

Le nostre esperienze, le esigenze di lavorare in mobilità e la nostra modalità di utilizzo – office, posta, web, applicazioni business e di servizio per viaggiare, con qualche film ma pochi giochi – ci hanno portato a ritenere la connettività un fattore più importante dello storage in sé e per sé, soprattutto in Italia, dove trovare WiFi accessibili non è semplicissimo, anche tenuto conto che invece nelle città LTE inizia a essere una via percorribile.

Invece iPad Air invoglia all’upgrade anche dal modello meno recente, già con Retina, soprattutto per il peso. 480 grammi (469 gr nel modello solo WiFi) sono davvero pochi, e gli etti in meno non vanno a discapito dell’autonomia. Insomma, solo buone notizie. Altezza e larghezza lievemente ridotte possono fare pensare a una scomodità ulteriore nella digitazione da tastiera, ma in verità non è così, il display da 9,7 pollici infatti non è più piccolo, lo è la cornice profilata sui bordi laterali con un risparmio di circa 1,5 cm. Sarebbe stato gradito ritrovare anche qui Touch ID e la fotocamera con il flash, invece il nuovo iPad lavora per le foto con iSight, e il sensore BSI, la fotocamera è dotata di ottica f 2.4, e registra video full hd. Le riprese in Burst Mode sono più veloci con iPhone 5s che garantisce più scatti al secondo.

Lato software ogni giorno si allunga intanto la lista delle applicazioni che vengono aggiornate ad iOs7 (per esempio Delivery Status Touch per il controllo delle consegne giornaliere, o il piccolo gestionale della vostra To Do list Gneo), più di rilievo il rilievo delle aggiornate che sfruttano alla perfezione il coprocessore M7: Strava Run GPS Running, Training and Cycling Workout Trainer, MotionX 24/7, Argus Your Fitness Tracker, solo per citarne alcune e infine quelle proprio già scritte appositamente per l’architettura a 64bit, tra cui la più importante per chi lavora ci sembra proprio la proposta Autodesk con Sketchbook Pro (tra le altre segnaliamo, Infinity Blade III, Sing! Karaoke, Pixlr Express PLUS – 123D Creature Show Vjay, Djay 2 for iPhone).
La declinazione delle app già ottimizzate per iOs 7 è invece già lunga e vi fanno parte: Vimeo, Yahoo! Weather, Shazam, Facebook, Evernote, Digg, AroundmMe, per volere richiamare solo alcune delle più note.

APPLE IPAD AIR SLIDESHOW

iPad Air, le ragioni per fare l’upgrade

1.    Il peso e lo spessore ridotti sono ottimi motivi per provare una nuova esperienza d’uso, di entrambi si percepisce nettamente la differenza con la generazione precedente.
2.    Prestazioni con A7 e M7 migliorate senza incidere sull’autonomia d’uso. E il prezzo è rimasto in linea
3.    L’architettura a 64bit con le applicazioni nuove scritte e dedicate offre prestazioni ancora migliori
4.    La ricettività Wifi, anche senza supporto AC è sensibilmente migliorata
5.    Vale la pena di provare sul device tutte le app gratuite, anche per il lavoro d’ufficio e quelle dedicate a 64bit. Anche giocare è un’esperienza entusiasmante.

Avremmo certamente preferito da subito, anche su iPad Air, Touch ID, così come rimaniamo convinti che si possa fare qualcosa di meglio per evitare i riflessi – fastidiosi per chi utilizza il tablet per lavorare – dell’ottimo Retina Display. A parte una custodia per preservare l’investimento (non a caso Apple ha messo a listino con il proprio brand anche custodie complete e non solo cover), preferiamo sempre attrezzare i tablet con una pellicola matt (finitura opaca). L’esperienza touch resta perfetta, l’esperienza visiva non ne risente e l’assenza di riflessi consente una lettura e un utilizzo infinitamente più riposanti. Per chi lavora è importante.

Per eventuali specifiche qui non riportate se non funzionali alla recensione potete fare riferimento alla pagina diretta del vendor.

La storia della tavoletta che ha cambiato il mercato, mettiti alla prova, rispondi al nostro QUIZ