AccessoriWorkspace

QUIZ CES 2016 – Tracce di futuro dall’IT alla vita di tutti i giorni

CES 2016
0 0 Nessun commento

A CES 2016 le novità tecnologiche più interessanti che vedremo nel corso dell’anno e offrono un assaggio di futuro. Le conoscete? Mettetevi alla prova, rispondete al nostro quiz

Si è chiusa da qualche giorno la fiera di riferimento per l’elettronica di consumo, il Consumer Electronic Show di Las Vegas (CES 2016) e la pagina dell’organizzazione già è proiettata al futuro con la presentazione dell’edizione del prossimo anno. In verità, lo sappiamo, tante delle novità che hanno attirato l’attenzione dei visitatori, negli Usa, agli inizi di gennaio, vedranno la luce e arriveranno sui mercati non prima della primavera inoltrata, o addirittura più in là e in Italia, ancora più avanti.

CES 2016 non è assolutamente una fiera per gli appassionati di informatica, ma una occasione di incontro per gli appassionati di tecnologie tout court, e di tecnologie con un diretto impatto nella vita reale, di tutti i giorni, utilizzando i sistemi di computing ma anche gli oggetti di tutti i giorni.

Intel Casco a Raggi x
Intel Casco a Raggi x

Quest’anno, alcuni trend sono risultati abbastanza significativi e hanno tenuto banco: l’automotive – non solo con le auto che si guidano da sole – ma con tutti gli strumenti di intrattenimento avanzati ora disponibili; poi ancora i wearable device, con l’arrivo di smartwatch frutto anche di interessanti partnership con i marchi della moda e del lusso; i sistemi interconnessi, dagli elettrodomestici con inclusi i sistemi di pagamento, a quelli che comunicano con la banda larga o tramite una Sim le loro ‘necessità’ per funzionare meglio; i nuovi sistemi di movimentazione di merci e persone, come i droni (anche per la vigilanza) e come gli overboard, e … Tema davvero in piena evoluzione, la realtà virtuale e 3D, a partire da occhiali (anche Intel è coinvolta in questi progetti), auricolari intelligenti (Htc), per finire con tutti i sistemi relativi alla realtà aumentata.

E’ possibile trovare un punto comune tra le nuove idee. Il fil rouge è che le nuove proposte tecnologiche non arrivano più esclusivamente dalle aziende di informatica e tecnologia – come accaduto in alcune passate edizioni – ma coinvolgono i produttori tradizionali di oggetti per la vita di tutti i giorni. Le case automobilistiche, per esempio, riconoscono di non possedere tutto il know how per traguardare il futuro e stringono alleanze con i giganti IT per acquisire competenze che non potrebbero più sviluppare internamente se non con clamorosi ritardi. Questo accade in modo sempre più trasversale anche per quanto riguarda altri beni di consumo.