Windows in difficoltà con i processori multicore

Software
0 0 Non ci sono commenti

Secondo il direttore della strategia tecnologica del vendor, il massimo si
raggiunge con quattro processori. In ritardo anche la Sp3 di Xp.

L’attuale architettura di Windows può, al massimo, trarre beneficio da sistemi con quattro processori. Lo ha ammesso Ty Carlson, direttore della strategia tecnologica di Microsoft, il quale ha aggiunto che Vista non è in grado di gestire 16 thread. In sostanza, questo significa che oggi il sistema operativo di Microsoft non può trarre il massimo profitto dai processori a due e quattro core e occorrerà dunque attendere una nuova architettura. Tuttavia, Carlson ha aggiunto che il vendor seguirà l’evoluzione probabile dei pc da ufficio o da scrivania, quindi sarà pronta quando su questi oggetti saranno massicciamente diffusi i processori multicore.

Intanto, Microsoft ha spostato in avanti anche il rilascio del Service Pack 3 di Windows Xp, inizialmente previsto entro la fine dell’anno e ora, invece, traslato al primo semestre 2008. Questo significa che fa Sp2 e Sp3 passeranno ben quattro anni e non i due annunciati a suo tempo dal costruttore. Anche sui contenuti del nuovo Service Pack per ora si possono fare solo congetture, come il probabile supporto di Wpa 2.0 per reti Wi-Fi, Windows Media 11 e Internet Explorer 7.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore