Sun aggiunge il cluster a OpenSolaris

Software
0 0 Non ci sono commenti

Il prodotto è ormai aperto e il codice è stato fornito alla comunità Open
Source.

Sun ha iniziato a offrire il codice delle configurazioni cluster di Solaris alla comunità OpenSolaris. Ci vorranno però diciotto mesi prima che la totalità dei due milioni di linee di codice siano proposte in Cddl (Common Development and Distribution Licence), la licenza libera in versione Sun.

In un primo tempo, Sun fornirà i moduli necessari per far passare applicativi in alta disponibilità. Sono previsti quelli per i contenitori in ambiente virtualizzato, per WebLogic di Bea e per il Dbms PostgreSql. In compenso, Sun ha dichiarato di avere ancora dubbi legali per i moduli dedicati a prodotti come Oracle o Ibm WebSphere, che dunque non saranno proposti in open source.

La seconda ondata di donazioni, promessa per dicembre, si concentrerà su Solaris Cluster Geographic Edition, che gestisce le configurazioni multisito. Il cuore della tecnologia cluster di Solaris farà parte dell’ultima ondata, prevista entro diciotto mesi.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore