Pronta l’edizione 2009 di tutta la gamma Autodesk

Software
0 0 Non ci sono commenti

La società ha rinnovato l’offerta Cad e grafica, l’upgrade di AutoCad e ha aggiunto i prodotti verticali come Inventor, 3D Max Design, Maya e Revit

Con una puntualità che non è fuori luogo definire “svizzera” (da lì viene l’azienda), Autodesk ha provveduto al rinnovo generalizzato della propria offerta Cad e grafica, contraddistinta dall’uso del suffisso 2009 per tutti i prodotti che la compongono. Spicca, ovviamente, l’upgrade del prodotto “storico” AutoCad, ma a esso si aggiungono i vari prodotti verticali, come Inventor, 3D Max Design, Maya e Revit.

Ogni famiglia di software Autodesk contiene un insieme di programmi per applicazioni specifiche, che vanno dalla progettazione meccanica alla prototipazione digitale, per spaziare poi fra architettura, gestione delle costruzioni, produzione di mappe, media ed entertainment.

AutoCad 2009 prosegue lungo la linea del miglioramento dell’interfaccia utente, basata sulle attività e capace di integrare strumenti di automazione che non richiedono una specifica conoscenza di programmazione. Oltre a questo, il prodotto potenzia la navigazione 3D con i tool ViewCube e SteeringWheels. Va sottolineato che AutoCad 2009 è certificato per i sistemi operativi Windows Vista a 32 e 64 bit e che i clienti che sottoscriveranno l’aggiornamento riceveranno il software di illustrazione AutoDesk Impression.

Il portafoglio AutoCad comprende numerose applicazioni verticali costruite sulla tecnologia AutoCad e tutte rinnovate in questo giro di aggiornamenti. Fra essi si possono citare Architecture 2009 (disegno architetturale reso più intuitivo), Civil 3D 2009 (migliore analisi e documentazione per gli ingegneri civili), Electrical 2009 (task automatizzati per il disegno di controlli elettrici), Map 3D 2009 (interazione fra Cad e sistemi di informazione geospaziale), Mechanical 2009 (velocizzazione dei processi di disegno meccanico) e Raster Design 2009 (conversione da raster e vettoriale).

Di rilievo, nell’aggiornamento appena presentato, è la parte che riguarda l’industria manifatturiera, dove è stata posta un’attenzione particolare sulle funzioni di prototipazione digitale (Digital prototyping), che consentono alle aziende del settore di progettare in modo virtuale un prodotto completo e simularne il funzionamento reale prima di iniziare concretamente la produzione su scala industriale. Oltre ad alcuni dei software che compongono la linea AutoCad, si integrano in quest’offerta Inventor Suite 2009 (il prodotto di riferimento in quest’ambito), AliasStudio 2009, Showcase 2009 e ProductStream, tutti capaci di interagire e mettere in comunicazione i tram di progettazione, ingegneria e produzione, utilizzando un unico modello digitale.

Il massiccio aggiornamento dovrebbe rafforzare una linea di tendenza positiva per Autodesk, che ha chiuso l’anno fiscale 2008 con una crescita del 18% nel fatturato (2,17 miliardi di dollari) e un utile pari a 356 milioni di dollari. L’Europa è la regione che oggi pesa di più sul giro d’affari e ha totalizzato 875 milioni di dollari lo scorso anno. La forza commerciale dell’azienda si misura su una rete di rivenditori pari a circa 1.700 unità nel mondo (85 in Italia), cui si aggiungono 2.500 sviluppatori e 4.500 centri di formazione. In Italia, fra l’altro, l’azienda lavora con oltre diciotto università e ha creato una comunità di studenti composta da oltre 8mila iscritti.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore