Opa amichevole di Ibm su Telelogic

Software
0 0 Non ci sono commenti

Per un valore corrispondente a circa 557 milioni di euro, la numero uno
mondiale vuole integrare nella propria divisione Rational lo specialista svedese
di gestione del ciclo di vita del software.

Ibm ha annunciato l’intenzione di acquisire Telelogic, società svedese specializzata nella gestione del ciclo di vita del software. Il prezzo proposto è di 21 corone per azione, con un premio del 21% sul corso al 31 maggio scorso, per un totale complessivo equivalente a circa 557 milioni di euro. L’offerta è già stata approvata dal consiglio d’amministrazione di Telelogic.

L’acquisizione andrebbe a rafforzare la divisione Rational, creata nel 2002 dopo l’assorbimento dell’omonima azienda. Quella fu la base per la creazione di un’unità dedicata alle esigenze dei diversi attori di un progetto, dallo sviluppatore all’architetto, legando il tutto con l’offerta metodologica Rup (Rational Unified Process).

Tuttavia, l’ambito nel quale Telelogic si sta battendo con le varie Borland, Mercuri/Hp o Serena è ormai quello più ampio dell’Alm (Application Lifecycle Management), che si integra con il portfolio management e comprende la gestione delle risorse, la gerarchizzazione delle richieste e tutto quanto fa sì che un progetto di sviluppo si attui nel tempo prestabilito e senza sforare il budget. Telelogic è presente anche nel segmento del Bpm (Business Process Management) e in quello degli Enterprise Architecture Tool, un mercato nel quale l’azienda si misura con società come Mega, Ids Scheer o Proforma, tutte messe da Gartner nel quadrante dei leader nel 2006.

Per Ibm e la sua divisione Rational, l’acquisizione servirà per essere presente in un ambito nel quale fin qui non coperto e per ampliare il raggio d’azione verso aziende di taglia più piccola. Telelogic ha oggi 1.100 persone in organico e 8mila clienti nel mondo.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore