Novell accoglie Microsoft al BrainShare e manda in soffitta NetWare

Software
0 0 Non ci sono commenti

L’annuale manifestazione di Salt Lake City si è aperta all’insegna dei
chiarimenti sull’accordo con la casa di Bill Gates e le implicazioni della
convivenza fra sviluppi Linux e Windows. Con Oes 2, si completa la transizione
verso SuSe Linux Enterprise Server.

L’annuale user conference BrainShare, aperta lunedì a Salt Lake City, si è per Novell inevitabilmente focalizzata sull’accordo siglato in novembre con Microsoft. Il presidente e Ceo della società, Ron Hovespian, ha concentrato la propria attenzione sul concetto di interoperabilità, che dovrebbe garantire maggior flessibilità e libertà di scelta per i clienti. Difficile dire se i cinquemila convenuti siano stati o meno convinti, ma la dimostrazione del funzionamento di Windows come virtual machine sotto SuSe e viceversa dovrebbe aver sortito qualche effetto positivo.

Di sicuro, dalla manifestazione dello Utah emerge il definitivo tramonto di NetWare, sistema operativo storico per Novell, destinato a cedere il passo a SuSe Linux Enterprise Server. Al BrainShare è stata infatti annunciata la versione beta di Open Enterprise Server (Oes) 2, nuova versione del sistema operativo di rete che fa girare NetWare come virtual machine sotto il kernel di SuSe Linux. Il prodotto, che supporta gli ambienti multicore di Intel e Amd, aggiunge anche la virtualizzazione a 64 bit basata su Xen e una tecnologia di dynamic storage battezzata Domain Services for Windows. Quest’ultima funzionalità consente agli amministratori di creare policy che dettano quali dati siano da considerare attivi e quali no. Infine, è stato presentato anche il thin client SuSe Linux Enterprise, che dovrebbe servire a ridurre i costi di gestione a livello di sistema e a migliorare la sicurezza e le capacità di gestione.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore