L’accordo Microsoft-Novell non ha effetti su Red Hat

Software
0 0 Non ci sono commenti

Secondo una survey realizzata da Alfresco sul proprio insieme di clienti, Red
Hat cresce a un ritmo doppio rispetto alla rivale.

Continua a crescere la leadership di Red Hat sul mercato Linux nonostante l’accordo dello scorso anno fra Microsoft e Novell. Il dato emerge da uno studio realizzato dal vendor di content management open source Alfresco. Il numero di aziende che sceglie di implementare il proprio software su Red Hat Enterprise Linux aumenta del doppio rispetto a chi sceglie Novell SuSe Linux.

Alfresco Open Source Barometer è una survey compiuta a livello mondiale su 10mila soggetti che hanno acquistato, scaricato o mostrato interesse verso il software di content management del vendor.

Il dato più eclatante che emerge per il periodo aprile-giugno è che Red Hat cresce a un ritmo doppio rispetto al rivale. Questo risultato è stato avallato dagli analisti e dimostra come l’osservatorio di Alfresco sia attendibile, dato che la propria applicazione enterprise-level può essere installata su differenti tipologie di Linux (o Windows). Informazioni poco incoraggianti per Novell arrivano anche dall’analisi annuale del 2006 (di Idc), anno nel quale l’azienda viene accreditata di una quota di mercato del 26%, contro il 54% di Red Hat. Comunque, le vendite complessive nel mondo Linux sono cresciute dell’83% (19 milioni di dollari) negli ultimi sei mesi, ma gli osservatori ritengono che in buona parte si tratti di fatturato di breve termine indotto dall’accordo con Microsoft. Per converso, nello stesso periodo, le vendite di Red Hat hanno segnato un valore superiore ai 100 milioni di dollari, in ascesa del 38%.

Analizzando l’adozione di Linux per Paese, Alfresco certifica che l’Italia si trova dietro Francia, Germania e Francia in Europa, ma riesce a piazzarsi davanti al Regno Unito.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore