JBoss lancia la sfida a Tuxedo

Software
0 0 Non ci sono commenti

Il middleware di Red Hat è arricchito di iniziative e progetti destinati a farne una soluzione transazionale open source completa

Il recente svolgimento di JBoss World ha sancito un’evoluzione importante per la piattaforma ormai entrata nell’orbita di Red Hat, spingendola in direzione della governance e delle architetture orientate ai servizi (Soa). Oltre a ciò, Red Hat sta lavorando per aggiungere alla piattaforma di base dei tool di amministrazione e per questo si è associata con Hyperic per fondare Rhq, al fine di gettare le basi per la creazione di una piattaforma di amministrazione comune a tutti i prodotti JBoss. Il primo prodotto a beneficiarne dovrebbe essere JBoss Operations Network 2.0, atteso per questa primavera.

Il più importante annuncio emerso dalla manifestazione, tuttavia, appare il progetto BlackTie, che punta alla creazione di un monitor transazionale open source, destinato a competere direttamente con Tuxedo, notissimo prodotto di Bea. La volontà di proporre un’alternativa competitiva è stata esplicitata dalla stessa Red Hat, che ha spiegato come i linguaggi e i protocolli supportati da Tuxedo saranno tali anche per BlackTie. D’altra parte, Tuxedo non è propriamente un leader di settore e occorre conformarsi agli standard di fatto decisi da Bea e poi ci sono certamente clienti che pensano di allontanarsi da una tecnologia destinata a finire sotto il controllo di Oracle.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore