In Microsoft i nuovi eroi della virtualizzazione

Software
0 0 Non ci sono commenti

Insieme con Windows Server 2008, la virtualizzazione cambierà il modo di lavorare in azienda, dal server al desktop

Il mese di febbraio sarà per la tecnologia di Microsoft il momento dell’annuncio di soluzioni di virtualizzazione legate al nuovo Windows Server. Ma quella dei server è solo un parte dell’emergente business della virtualizzazione che va inevitabilmente a toccare anche il desktop aziendale. Su questo fronte Microsoft, che già offre Virtual PC, si sta muovendo con una duplice modalità , da un lato fa campagna acquisti, come dimostra il recente annuncio dell’acquisizione di Calista Technologies, e dall’altro semplifica il sistema delle licenze in modo da poter virtualizzare tutte le versioni di Windows e da permttere il supporto di Office in un ambiente virtualizzato. Su questo fronte è per Microsoft importante poter giocare la carta dell’alleanza strategica con Citrix per rendere più accessibile la possibilità di far girare client Windows remoti all’interno di istanze virtualizzate.

Anche Microsoft non può che adeguarsi, sia per i server dei data centre sia per i posti di lavoro negli uffici, alla tendenza per cui gli asset It delle grandi aziende devono essere resi più flessibili con applicazioni disaccoppiate dall’hardware che si muovono in modo dinamico da un server all’altro per adeguarsi alle esigenze del business aziendale ed essere servite agli information worker quando e dove servono. A breve termine questa strategia si basa necessariamente per il versante gestione su System Center Virtual Machine Manager e per il versante virtualizzazione sull’imminente Windows Server 2008 e sulla versione finale di Hyper-V. Qui non si può non far notare che secondo le ultime comunicazioni di Microsoft quest’ultima versione è prevista entro 180 giorno dal rilascio del sistema operativo. Come hanno spiegato i responsabili italiani della divisione Servers & Tool di Microsoft, Hyper-V, sostanzialmente un componente scaricabile di Windows Server 2008 , non verrà inserito nel prodotto, ma sarà disponibile sul sito di Microsoft.
Al momento del lancio del nuovo Windows Server 2008 (il 28 febbraio in Italia, quattro milioni di download nel mondo) per di più sarà accessibile solo la versione beta. Microsoft dichiara 1,5 milioni di download per Virtual Server 2005

Ma oltre a desktop, presentation e server, la virtualizzazione proposta da Microsoft prevede scenari che vanno al di là del consolidamento dei server e della business continuity , per arrivare alle applicazioni. Nei piani della società la virtualizzazione dovrà permettere a ciascun utente aziendale di avvicinarsi ad esempio a un qualunque PC e da lì iniziare a lavorare con tutte le applicazioni che l’azienda gli mette a disposizione in funzione del suo ruolo. La tecnolgia di Microsoft si chiama Softgrid Application Virtualization e dovrà permettere, una vola applicata su larga scala, di trasformare le applicazioni in una serie di servizi dinamici in tempo reale e di ridurre i costi di supporto delle applicazioni.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore