Il Comune di Birmingham ritorna a Windows

Software
0 0 Non ci sono commenti

La città inglese abbandona l’open source. Microsoft accusata di avere
praticato prezzi di favore, ma da Redmond negano

Gli enti della Pubblica Amministrazione, soprattutto locale e soprattutto in Europa, sono stati tra i primi a valutare con attenzione la possibilità di adottare piattaforme open source per i loro sistemi informativi. Fece scalpore tempo fa l’annuncio dell’amministrazione comunale di Monaco di Baviera che decise di abbandonare la piattaforma Windows a favore di Linux, ora invece sembra che Microsoft stia riguadagnando terreno anche presso questa tipologia di utenti.

La notizia arriva dalla città britannica di Birmingham dove la locale amministrazione ha cambiato idea abbandonando il progetto open source iniziale per l’informatizzazione delle biblioteche per tornare sui suoi passi adottando invece Windows Xp. L’annuncio ha suscitato non poche polemiche perché secondo alcune persone informate dei fatti il cambiamento di rotta sarebbe dovuto al fatto che Microsoft ha proposto al Comune di Birmingham un’offerta estremamente vantaggiosa dal punto di vista dei costi, cosa che Microsoft nega in modo deciso. Se la notizia fosse confermata potrebbe diventare un grosso problema per Microsoft perché in questo modo ogni amministrazione locale potrebbe semplicemente minacciare di passare all’open source per ottenere dalla società di Redmond prezzi di favore.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore