Finalmente pronto Debian 4.0

Software
0 0 Non ci sono commenti

Addio Sarge, benvenuto Etch. Così si rinnova la distribuzione Linux che serve
da base per altre versioni del sistema operativo opensource, tra cui Ubuntu.

Dal debutto di Debian 3.1, Sarge per la community, dopo 21 mesi arriva finalmente la tanto attesa versione 4.0, il cui nome in codice è Etch. La nuova release supporta ben 11 ambienti desktop diversi, incluso Gnome (Gnu Network Object Model Environment), Kde (K Desktop Environment) e Xfce, oltre al software di criptografia. Etch è compatibile anche con la versione 3.1 d Linux Standard Base (Lsb), un progetto che cerca di riunire differenti versioni di Linux ad alta integrazione e di cui la Linux Foundation ha annunciato recentemente l’upgrade.

Debian 4.0 introduce un supporto per le partizioni cifrate e include un sistema di amministrazioni dei pacchetti, chiamato Secure Apt, che verifica l’autenticità del pacchetto tenendo conto anche di ogni più piccolo aggiornamento. Il sistema operativo include versioni recenti dei tool opensource quali PostgreSql, MySql, Apache, Samba, Python, Perl and Asterisk, ed è basato sulla versione 2.6.18 del kernel Linux.

I lunghi tempi di rilascio (l’annuncio era atteso per dicembre) sono una delle criticità persistenti di Debian ed è questo il fattore che ha spinto a una sua derivazione tecnologica, denominata Ubuntu. Ubuntu è una distribuzione Linux basata su Debian, ed è stato il primo prodotto sponsorizzato da Canonical, società privata che ha come core mission la promozione di progetti legati al software libero ed è registrata all’isola di Man con dipendenti provenienti da tutto il mondo ma che ha come main sponsor l’imprenditore sudafricano Mark Shuttleworth. A febbraio Canonical e Linspire avevano annunciato una partnership tecnologica con l’obiettivo di spostare Linspire e Freespire verso Ubuntu, abbandonando Debian.

Grazie alla nuova sinergia tecnologica da un lato la community opensource può avvantaggiarsi dei cicli di sviluppo più rapidi di Ubuntu e dall’altro avere libero accesso al sistema di aggiornamenti e di installazione del software, denominato Cnr (Click And Run), che appoggiandosi a una libreria di applicazioni a livello di server, offre un più rapido accesso ai vari upgrade di Linspire, senza restringere l’utilizzatore avanzato a operare solamente attraverso questa interfaccia.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore