Emc: Informazioni digitali in espansione

Data storageSoftware
0 0 Non ci sono commenti

Le informazioni generate involontariamente da una persona nelle sue attività di ogni giorno superano ormai quelle che la medesima persona crea in maniera attiva

Su impulso di Emc, gli analisti di Idc hanno preso per la seconda volta le misure dell’universo digitale nel 2007 : le informazioni del mondo sono 281 miliardi di Gigabyte e cresceranno a un ritmo annuo del 60 %. Il dato è contenuto nel rapporto “The Diverse and Exploding Digital Universe: An Updated Forecast of Worldwide Information Growth Through 2011”: la causa di questa crescita spropositata sono i contenuti , soprattutto multimediali, che produciamo ogni giorno.
Nel 2007 per ogni persona sulla terra c’erano 45 Giga di informazione digitale, tenendo conto di anche delle applicazioni basate su sensori, dei data center orientati al cloud computing e di tutte le reti di social networking. Si parla anche di “ombra digitale” ossia di informazione digitale generata dalle persone nel corso delle loro attività quotidiane , oltre a quella da loro prodotta direttamente e volontariamente : nomi che vanno a finire nelle mailing list, tracce di navigazione sul web o immagini prese da sistemi automatici di sorveglianza.
Spetta poi alle organizzazioni IT e alle aziende prendersi cura di questa grande quantità di dati per proteggerla, metterla al sicuro e mantenerla nel tempo in modo affidabile.
Secondo lo studio commissionato da Emc , circa il 70% dell’universo digitale è creato dai singoli individui, ma le imprese sono responsabili a vario titolo della gestione dell’85% di questo universo di informazioni digitali.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore