È arrivata la beta di Rhel 5.2

Software
0 0 Non ci sono commenti

Red Hat rende disponibile la versione per il testing della release 5.2 del proprio sistema operativo per il mondo enterprise e desktop

È una nuova versione beta per i prodotti enterprise e desktop Linux quella che la casa del Cappello Rosso ha rilasciato integrando nuove funzionalità atte a migliorare due aspetti core nella gestione dei data center, ovvero virtualizzazione e clusterizzazione.

Red Hat Enterprise Linux (Rhel) 5.2, infatti, in questa edizione si propone come piattaforma operativa più stabile dedicata alla server farm, attraverso un aggiornamento dell’hypervisor Xen alla versione 3.1.2, supportando fino a 64 processori per sistema e fino a 512 Gb di memoria per server. Anche l’interfaccia Numa (non-uniform memory access) è stata potenziata. Ottimizzando le applicazioni di failover la società ha rafforzato anche la capacità di clusterizzazione, accrescendo il supporto per l’Ipv6, includendo Dhcp 6 per un miglior supporto sia delle Lan che delle Wan.

Anche il lato desktop è stato rinnovato grazie alle più recenti versioni applicative opensource di Firefox, Evolution, OpenOffice e Thunderbird, nonché all’integrazione di driver grafici di livello superiore. (Rhel) 5.2 in beta è disponibile sia nella versione base che in quella avanzata per Amd, Intel 64 e Itanium nonché per i mainframe Ibm S/390 e i System p e System z; la versione desktop beta è disponibile invece per x86, Amd64 e Intel 64.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore