CommandCenter si rinnova e sposa la filosofia del SaaS

Software
0 0 Non ci sono commenti

Red Hat ha aggiornato il software per il monitoraggio e controllo da remoto
offrendolo come Software-as-a-Service.

Realizzato nel gennaio del 2003 il sistema di monitoraggio e di gestione Command Center capitalizzava la tecnologia di NocPulse, acquisita quattro mesi prima. Oggi la casa del Cappello Rosso ha messo a punto un aggiornamento che le consente di offrire il pacchetto come un servizio in modalità host, che servirà a monitorare il sistema operativo Linux proprietario e tutte le tecnologie ad esso associate.

CommandCenter utilizza un’interfaccia Web based per la gestione da remoto di diversi sistemi operativi: dunque non solo Linux ma anche FreeBsd, Solaris, Windows e Unix così come applicazioni Microsoft, Oracle, MySql, Bea e Apache. Il prodotto è offerto come un servizio complementare al Network Hosted di Red Hat, Network Satellite e ai servizi JBoss Operations Network. Red Hat Network si occupa degli aggiornamenti, della gestione e delle capacità previsionali per Enterprise Linux di Red Hat, Directory Server e Application Stack così come delle applicazioni di Red Hat sviluppate da terze parti. La versione in modalità hosted è inclusa in tutte le licenze di Linux Enterprise di Red Hat come servizio remotizzato mentre Satellite e JBoss sono disponibili separatamente, come installazioni locali.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore