Chi costruisce per Google?

Software
0 0 Non ci sono commenti

Le Google appliance sono “made in Dell”

Una Google Search Appliance può indicizzare milioni di documenti ed eseguire fino a 25 query al secondo. L’appliance di ultima generazione di Google sono frutto di una collaborazione Oem con Dell. Il server specializzato è infatti basato su di un Poweredge 2950 di Dell. Il processore è uno Xeon di Intel , mentre il sistema operativo è Linux. Il tutto a supporto dei sofisticati algoritmi di ricerca di Google.
Questa è una curiosità tecnologica.
Forse più interessante è la più recente applicazione italiana delle tecnologie di Google in formato appliance. La società Texa, che opera nella diagnostica per auto, moto e camion, ha scelto la tecnologia Google Search Appliance. Il meccanico entra in rete grazie ad Axone, uno strumento di diagnosi studiato da Texa, che si presenta come un comune cellulare. La novità consiste nel fatto che l’elenco di sintomi e riparazioni risiede sui database nei server di Texa connessi alla Google Search Appliance. Il motore di Google indicizza e rende ricercabile in modo preciso qualsiasi informazione in pochissimi secondi. Il meccanico potrà così inserire a schema libero sullo schermo touch screen tutte le parole che secondo lui individuano il guasto. Vantaggi anche per l’automobilista, tra cui avere la possibilità di ottenere un preventivo telefonico: il meccanico si farà raccontare i sintomi, scriverà sullo strumento le parole chiave tipo “accensione spia benzina”, “ritardo di accelerazione” “spegnimenti al minimo”, oltre al modello e alla marca della vettura, e comparirà il tipo di guasto. Potrà quindi avvertire il cliente della gravità, suggerendogli se è il caso di fermarsi o se viceversa si tratta di un’anomalia destinata a stabilizzarsi o un falso allarme.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore