Big Blue porta la Pa al Maximo

Software
0 0 Non ci sono commenti

Con Ibm Maximo Government la società aiuta le istituzioni pubbliche a gestire al meglio gli asset

Un rapporto del giugno 2007 dell’House Oversight and Government Reform Committee afferma che il governo statunitense si è impegnato a spendere la cifra record di 1100 miliardi di dollari con aziende titolari di contratti di fornitura con il governo caratterizzati da sprechi, frodi, abusi o cattiva gestione. Parte di questi sprechi è imputabile a un tracciamento degli asset scadente, a contratti non competitivi e alla necessità di affidarsi a società private per svolgere funzioni governative a causa delle inefficienze.

Per ovviare a questo tipo di problematiche, Ibm ha ampliato il campo di applicazione di Maximo, piattaforma per la gestione degli asset dedicata al settore pubblico. La nuova piattaforma, denominata Ibm Maximo Government, aiuta le istituzioni e i loro fornitori a migliorare il monitoraggio dei beni e servizi forniti al pubblico. La soluzione è stato sviluppata sulla base dei commenti ricevuti dai clienti della Pa e dalle business unit Ibm che lavorano con loro e con i loro fornitori. La nuova soluzione prevede il supporto per contratti, beni mobili e requisiti Uid (identificatore unico) del Ministero della Difesa statunitense. Se associata ad altre applicazioni base Maximo, l’offerta dà la possibilità di tracciare e gestire le risorse per tutto il loro ciclo di vita e supporta la conformità ai regolamenti per la gestione degli asset e della proprietà.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore