BenQ Mobile in liquidazione

Software
0 0 Non ci sono commenti

Spuntano le prime manifestazioni di interesse per la società tedesca

Bisognava che venisse messa in liquidazione perché potessero emergere le prime manifestazioni di interesse. Dopo avere atteso il tempo previsto senza avere ricevuto offerte i curatori fallimentari di BenQ Mobile hanno deciso per la messa in liquidazione della società tedesca. BenQ Mobile nacque quando la taiwanese BenQ acquistò la divisione mobile di Siemens, operazione che da subito ha iniziato a fare sentire i primi scricchiolii e che lo scorso novembre ha definitivamente mostrato tutte le sue debolezze quando BenQ affermò di non avere più intenzione di finanziarne le attività.

A quel punto l’affare è tornato a pesare anche sulle spalle del gruppo tedesco, che si è visto direttamente coinvolto nella sorte dei migliaia di lavoratori tedeschi passati all’azienda asiatica al momento della cessione della divisione mobile.

Lo scorso 3 gennaio, alla scadenza del bando per le offerte, nessun compratore ha fatto avance, pertanto è scattato il piano di liquidazione e da quel momento hanno iniziato a farsi avanti i primi possibili acquirenti. Tra essi c’è in prima fila la statunitense Sentex Sensing Technologies, che sarebbe interessata sia alle risorse tecnologiche sia alla possibilità di gettare le basi per l’ingresso nel mercato europeo.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore