Attenti alla migrazione a Vista: i consigli di Dell

Software
0 0 Non ci sono commenti

Per bocca di un manager europeo, il pc vendor avverte sulle sfide correlate
al passaggio al nuovo sistema operativo Microsoft.

Dell sta proprio cambiando pelle. Lo dimostrano le indicazioni fornite da Niall Fitzgerald, business manager europeo del servizio ai clienti. Compiendo un passo decisamente inusuale per un pc vendor, il manager ha fornito indicazioni, ma anche esposto dubbi, sulla migrazione a Vista che attende gli utenti aziendali. L’uscita è ancor più singolare se si pensa che alcuni elementi di riflessione riguardano proprio l’hardware aggiuntivo che le aziende dovrebbero acquistare per gestire il passaggio. ?Le aziende devono prestare attenzione al numero di immagini che si andranno a installare e alla loro dimensione ? ha detto Fitzgerald -. Un’immagine da 2 Gb per ciascun utente rischia di avere un impatto troppo forte?. Microsoft ha sempre suggerito che un’immagine da 1 Gb sarebbe corretta per Vista, ma il manager ritiene di dover correggere il tiro.

Il risultato è che Dell non spinge necessariamente i propri clienti verso l’upgrade: ?Noi forniamo ai clienti tutto il supporto necessario su questo fronte ? specifica Fitzgerald -. Non siamo qui per promuovere Microsoft e dire alla gente che devono acquistare per forza. Spieghiamo i vantaggi di Vista, ma anche tutto quello che occorre per effettuare la migrazione?.

La migrazione applicativa è un’area-chiave, nella quale occorre preventivare una fase di test, proprio a causa della dimensione e della complessità di Vista. Discorso analogo si può fare per la formazione. Tuttavia, Fitzgerald non è fra coloro che sostiene la necessità di attendere il Service Pack 1 per procedere con l’installazione e non rileva questo genere di attitudine sul mercato.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore