Anche gli Hba nell’offerta di Brocade

Software
0 0 Non ci sono commenti

La società aggiorna le soluzioni di tipo Fan per i dati non strutturati

Pur con risultati trimestrali negativi per il peso dell’integrazione di Mcdata, Brocade non rinuncia allo sviluppo di nuove linee di prodotto. In concorrenza con Emulex e Q-Logic, anche Brocade entra nel mercato degli Host Bus Adaptor (Hba) , le interfacce che legano server e San. L’offerta prevede porte Fibre Channel e iScsi. L’obiettivo di Brocade è quello di ampliare la gamma di soluzioni integrando prodotti di connettività end-to-end tra server, San e data center.

Brocade sta poi sviluppando una serie di prodotti di connettività di prossima generazione che supporteranno Fibre Channel a 8 Gbps ed Ethernet a 10 Gigabit. Oltre alle funzionalità già presenti negli Hba attuali, questi nuovi server adapter – disponibili nel corso del 2008 – integreranno caratteristiche avanzate per il supporto delle tecnologie San e di switching future.

Brocade ha pure aggiornato la sua offerta di soluzioni Fan (File Area Network) che servono gerarchizzare i dati presenti su più server in realtà distribuite sul territorio per un facile accesso da parte degli utenti aziendali. Storage X 6.0 virtualizza l’ambiente di gestione per facilitare l’accesso ai dati sui server fisici in funzione della loro reale collocazione.
StorageX è particolarmente indicato per quelle aziende che preferiscono mantenere i file server negli uffici remoti (per motivi prestazionali) ma, al contempo, vogliono replicare i dati verso un data center centrale per garantire backup e recovery efficienti. Branch File Manager 2.0 è uno strumento che accoppia StorageX con il resto delle tecnologie Wafs ( Wide Area Files Services) per permettere di accedere da remoto a un file server come se fosse presente localmente. La versione 2.0 integra nuove funzionalità che semplificano il consolidamento dei dati dei branch office verso un data center centrale. In particolare, l’applicativo Brocade semplifica la migrazione di t utte le risorse fisiche verso un data center centrale, Branch File Manager è per quelle aziende che vogliono gestire in maniera centralizzata i file e i servizi di stampa, e-mail e web caching al fine di ridurre i costi e sopperire ad eventuali malfunzionamenti delle strutture remote.
Infine la versione 4 di File Lifecycle Manager garantisce agli utenti un accesso costante ai dati anche nelle fasi di migrazione e restore. Inoltre Flm permette di creare diversi livelli di storage in ambienti di tipo Nas come quelli di NetApp.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore