ZoneAlarm virtualizza il browser e lo difende

Sicurezza
0 0 Non ci sono commenti

ForceField è in beta. Sarà pronto per il prossimo anno

Qualche soluzione nella direzione giusta era già apparsa sul mercato, come Norton Confidential, SiteAdvisor o TrendSecure, altre invece sono ancora a livello di prototipo come la soluzione i di protezione web based Greenborder acquisita da Google. In mezzo, con una beta rilasciata da poche settimane, sta ForceField di ZoneAlarm, la divisione per il mondo consumer di Check Point. Ma ForceField ha preso una strada tecnologica del tutto nuova per proteggere la sicurezza del browser e difendere gli utenti nelle loro attività di banking online e di eCommerce. La strada è quella di interporre tra il personal computer e la nuvola di Internet un livello di virtualizzazione della macchina esposta sul web, una macchina virtuale che poi scompare senza lasciare traccia sul web , nel Pc e tanto meno sui siti interessati a conoscere in modo ostile i dati del navigatore su Internet.

Come spiega Laura Yecies , general manager di ZoneAlarm, ?ForceField porta nella protezione del Pc qualcosa che si svilupperà come la nuova piattaforma di protezione per il web 2.0. Il futuro delle applicazioni di sicurezza è nel browser che sta soppiantando il sistema operativo o le applicazioni utente come piattaforma di attacco per il malware?. Il linguaggio Javascript è il mezzo ideale per diffondere il malware.

Una ricerca ha rilevato che quasi il 7 % dei link sponsorizzati punta a siti di distribuzione del malware. Se il browser diventa insicuro ZoneAlarm lo rende strumento di impenetrabilità delle minacce dall’esterno verso il desktop e dall’interno verso la rete ( un eventuale spyware non è in grado di penetrarlo e trasmettere in dati dal Pc verso l’esterno).
Tra le funzionalità del nuovo ForceField , ora in beta pubblica e annunciato disponibile, a livello di prodotto pacchettizzato o in downloading, per la fine di febbraio del prossimo anno, vi sono oltre alla virtualizzazione del browser, una tecnologia antiphishing di tipo euristico e basata su signature, Spy Site Blocker ( già presente nella suite di sicurezza di ZoneAlarm), il jamming di keylogger e screen grabber. La chiave tecnologica di tutto è la precisione del software di emulazione che replica le funzioni di interfaccia presenti nel Pc tra il sistema operativo e il browser.

Field Force si integra con Explorer e Firefox e non si sostituisce , ma lavora in sinergia con l’ Internet Security Suite e in particolare con il firewall software del vendor. L’integrazione avviene anche con SmartDefence Advisor il servizio hosted di protezione dalle minacce zero hour. L’apertura della applicazione di difesa It vale però anche verso altre soluzioni, essendo in grado di convivere con antivirus, antispyware e antispam di altri vendor. Da qui al rilascio, ZoneAlarm lavorerà per alleggerire il peso dei ForceField in termini di prestazioni sul Pc, mentre Yecies non ha voluto fornire indicazioni sul posizionamento del prodotto nel listino a fronte del resto dell’offerta di ZoneAlarm che comprende , oltre alla suite, ZoneAlarm Antivirus e ZoneAlarm Pro/Firewall.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore