ZoneAlarm Internet Security Suite

Sicurezza
0 0 Non ci sono commenti

Una suite di sicurezza dove il firewall fa da padrone

Con l’autunno inizia la stagione delle novità più importanti riguardanti la protezione e la sicurezza dei personal computer fissi e mobili di consumatori e piccole aziende.

Network News continua il suo breve viaggio tra le novità della sicurezza pacchettizzata. Piuttosto complesso il sistema di soluzioni di sicurezza consumer che ruota attorno a ZoneAlarm, la divisione per il mondo dei consumatori di Check Point.
L’offerta pacchettizzata prevede diverse versioni, in una delle quali compare la protezione antivirus , ma non quella antispyware. Anche nella versione Pro non è presente un antivirus. Unica soluzione forse è quella di dotarsi dell’intera Internet Suite che tuttavia presenta dei moduli non ancora aggiornati e compatibili con il sistema operativo Vista.
Della suite non fanno parte funzioni di backup e recupero dei dati. Alla base di tutto sta però il firewall, un vero e proprio sistema operativo che è da sempre il punto di forza di ZoneAlarm.

Ricapitolando, nella sua forma più completa la suite ZoneAlarm prevede un antivirus (di derivazione Kaspersky), un antispyware, un antispam per le email (basato su tecnologia MailFrontier di Sonicwall), un protezione antiphishing accoppiata con quella contro il furto di identità e molto altro , come vedremo.
Poco da riferire sulle protezioni antivirale e contro lo spyware che possono essere aggiornate in modo manuale anche separatamente. Diversamente da altre soluzioni la scansione procede per passi prima la ricerca dei virus e poi quella degli spyware. Le tecniche di protezione utilizzate sono quelle di tipo euristico e di analisi delle firme.
L’antispyware si distingue per ampie possibilità di personalizzazione da parte dei più esperti, ma un utente meno esperto può affidarsi al suo meccanismo automatico di protezione. Alle spalle del sistema di prevenzione si colloca poi Smartdefense Advisor.
Il servizio Smartdefense che provvede alle protezioni automatiche si avvale del sistema di avvistamento e controllo Defensenet che raccoglie i dati preliminari sulle minacce facendo leva sui dati raccolti presso la comunità degli utenti.
Si attua quella che viene definita una difesa a tre strati per prevenire alla fonte, bloccare alla periferia del computer prima dell’installazione e rimuovere lo spyware dopo una malaugurata installazione.
La sezione di protezione dello spamming e delle email riconosce in modo automatico la presenza di client di posta come Outlook e protegge la ricezione con i protocolli Pop3 e Imap, mentre l’invio viene controllato solo se l’utente utilizza il protocollo Smtp . In Outlook viene anche creata una cartella apposita per la junk mail. I file attached sospetti vengono messi in quarantena secondo un elenco personalizzabile di estensioni. Il file può essere mantenuto in memoria , ma viene segnalato e ZoneAlarm ne cambia l’estensione.

Il punto forte di ZoneAlarm restano le funzionalità di firewalling che sono in grado , se configurate al massimo della protezione , di rendere il computer completamente invisibile sia su web che sull’eventuale Lan anche di tipo wireless. SI parte naturalmente dalla tradizionale ispezione dei pacchetti scambiati con la rete. Le specifiche del firewall si dicono in grado di identificare e filtrare oltre 100 mila applicazioni.
Per facilitare il compito dell’utente ZoneAlarm propone di non disturbarlo con continue richieste di approvazione o rifiuto di programmi mettendosi in un’attività di autoapprendimento. In questo modo la protezione di adatta in pochi giorni all’ambiente di lavoro specifico di ogni singolo utente.
In fase di installazione il programma riconosce la presenza sul computer di altri firewall e ne chiede la preventiva disinstallazione. Altre funzionalità presenti nella suite sono disponibili per il momento solo per gli utenti che utilizzano la versione Xp di Windows. La prima, Spy Site Blocking, impedisce allo spyware di raggiungere il personal computer bloccando i siti web distribuzione del malware. La Privacy Protection blocca i pop-up pubblicitari, i cookies, e gli script che impediscono una navigazione in santa pace. Anche la messaggistica Im e relativi file possono essere protetti da infiltrazione da spyware e virus. E’ attivabile anche una funzione di Parental Control.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore