Pericoloso sbagliare l’indirizzo web

MobilitySicurezzaSoftware
0 0 Non ci sono commenti

Una ricerca di McAfee ricorda che ci sono siti che sfruttano gli errori di digitazione degli indirizzi web

Registrazioni di domini discutibili da parte di terze parti prendono di mira a scopo di lucro l’ortografia dei nomi di dominio, sia business sia consumer Uno studio di McAfee intende portare all’attenzione del pubblico una pratica pericolosa nota come typo-squatting.
Il report riferisce di come i typo-squatter registrano domini web utilizzando i più comuni errori di battitura di marchi, prodotti e personaggi famosi per reindirizzare gli incauti visitatori verso differenti siti web.
Questi siti abusivi riescono a ottenere guadagni economici attraverso la pubblicità pay-per-click, truffano utenti ignari raggirandoli e raccogliendo i loro indirizzi di posta elettronica per sommergerli di spam.

Per quantificare la portata di questa ricerca, McAfee ha studiato 1,9 milioni di variazioni ortografiche di 2771 siti web tra i più conosciuti e frequentati. Molti saranno siti dei fan o siti di voci intorno al prodotto, mentre altri saranno gestiti da hacker e truffatori. Quello che li accomunerà è la loro estraneità con la Apple. Un consumatore medio che sbaglia a scrivere l’indirizzo di un sito web conosciuto ha una probabilità su 14 di finire su un sito abusivo di typo-squatter
Le cinque categorie più colpite sono:
Siti di videogiochi (14% di probabilità di essere colpiti), come ad esempio miniclip.com, runescape.com e minijuegos.com
Siti delle compagnie aeree (11.4%), come ad esempio ryanair.com, united.com e lufthansa.com
Siti dei media tradizionali (10.8%), come vh1.com, globo.com e qvc.com
Siti di incontri (10.2%)
Siti dedicati alla tecnologia e al Web 2.0 (9.6%)
I servizi di pubblicità contestuale automatica consentono a molti siti abusivi di generare introiti; infatti la pubblicità contestuale di un motore di ricerca appare attivata sul 19,3% dei siti sospettati di typo-squatting oggetto del presente studio
I cinque Paesi al di fuori degli Stati Uniti più esposti a questa forma di abuso comprendono anche l’Italia.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore