Per Xerox il colore è uguale al bianco e nero

Sicurezza
0 0 Non ci sono commenti

Sfruttando la tecnologia (sviluppata in casa) solid ink, l’azienda lancia la
sfida a Hp soprattutto con il modello Phaser 8860.

A metà strada fra la mossa di marketing e la reale volontà di invertire una tendenza, Xerox ha annunciato un aggiornamento della gamma di stampanti per le aziende, proponendo il costo dei consumabili a colori allo stesso costo di quelli del bianco e nero e puntando su un risparmio, rispetto ai concorrenti, spalmato sul ciclo di vita del prodotto. Indubbiamente, è la prima volta che un printer vendor dichiara apertamente di agire sui materiali di consumo, che sono la principale fonte di profitto per la categoria.

Il perno tecnologico di questa decisione si chiama solid ink cartridge ed è uno dei numerosi brevetti generato nei laboratori di ricerca della società, che trovano la via dell’applicazione commerciale. A differenza dei toner che alimentano le tradizionali stampanti laser, Xerox propone una sorta di mattoncino colorato che si carica nell’apposito spazio dentro la macchina e viene interamente consumato, senza lasciare residui da smaltire e, quindi, prestando attenzione anche alla salvaguardia dell’ambiente. Con il lancio della Phaser 8860, una cartuccia a inchiostro solido viene proposta al prezzo di 210 euro, mentre gli stick con i colori base del colore, ovvero magenta, cyan e giallo, costano 70 euro l’uno. ?Allineando il costo del colore a quello del bianco e nero ? spiega Ferdinando Salafia, marketing manager di Xerox Italia ? vogliamo rimuovere la principale ragione che ancora oggi spinge le aziende a non investire sul colore, ovvero l’elevato costo per pagina?.

Il modello più economico della nuova gamma 8860 ha un prezzo poco sotto i 900 euro, quindi superiore a quello medio della concorrenza, ma Xerox punta sul ciclo di vita del prodotto per evidenziare il risparmio: ?Una Phaser 8860/Dn costa circa 400 euro in più dell’omologa Hp 4700dn ? illustra Salafia ? ma per volumi di stampa superiori alle 500 pagine al mese, in tre anni si ottengono economia pari a circa 1.300 euro?.

Le nuove stampanti sono pensate per aziende che stampano dalle 1.000 alle 10mila pagine al mese, ogni stick solid ink (che sia nero o a colori) consente di produrre 14mila pagine e la velocità di stampa può raggiungere le 30 pagine al minuto. Le Phaser 8860 sono disponibili in versione printer pura e multifunzione.

Al di là dell’annuncio oecolore = bianco e nero?, Xerox ha presentato anche una nuova interfaccia grafica, denominata Extensible Interface Platform (Eip), che accompagnerà i prodotti multifunzione della società. L’idea dell’azienda è di far evolvere il workplace, offrendo anche a livello di periferica la user-friendliness da tempo disponibile sui personal computer. La nuova interfaccia è personalizzabile, basata su protocolli standard (da Https e Ssl a Css, Xml e JavaScript) e collaborativi. ?Al di là dell’impatto sull’utente individuale ? aggiunge Salafia ? Eip consente di realizzare verticalizzazioni, ad esempio per specifici mercati. Anche in Italia, toccherà ai partner sfruttare le potenzialità di questo strumento?.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore