Nokia, sicurezza a 360 gradi

EnterpriseSicurezzaSoftware
0 0 Non ci sono commenti

Il quadro delle alleanze e la ricerca di Nokia porta frutti nelle appliance più recenti per l’Italia

Nokia da tempo propone un’offerta di soluzioni enterprise per la sicurezza It che integra con quella più visibile per la business mobility. Sostanzialmente l’offerta di sicurezza di Nokia si poggia su una duplice alleanza con Intel per l’hardware delle appliance e con Check Point.

Il punto di forza delle soluzioni che l’azienda porta avanti anche con una struttura americana di ricerca e sviluppo sta nel sistema operativo Ipso che, promettono i tecnici di Nokia, da un lato consente alle aziende di utilizzare applicativi di sicurezza ad alta intensità elaborativa e dall’altro permette con semplici aggiornamenti di mantenere operative nel lungo periodo le piattaforma hardware acquistate.
E’ proprio la piattaforma hardware delle appliance di Nokia la principale novità italiana in tema di sicurezza It della società che da poco ha reso disponibili anche in Italia due soluzioni presentate sul finire dello scorso anno. Di protezione perimetrale ( firewall e Vpn) si occupa Nokia Ip 2450 la cui piattaforma hardware ha abbracciato le Cpu Xeon 5355 quad core per ottenere un’elevata velocità nell’ispezione dei pacchetti che viaggiano sulla rte aziendale. La protezione via software è offerta da Check Point con Vpn-1 Power e Vpn-1 Utm.

In Nokia si parla di protezione di applicazioni mission critical e per questo viene assicurata la strada verso i futuri sviluppi di Check Point Core XL che prevedono funzionalità di bilanciamento del carico. L’architettura multicore è decisamente la strada che le appliance Nokia stanno imboccando, Cpu e sistema operativo. Inoltre le prestazioni della piatatfroma Ip 690 possono essere ulteriormente spostate verso l’alto 20 Gbps) con due schede speciali di Nokia. La tecnologia ADP ( Accelerated Data Pack) delle schede permette un’interfaccia diretta con la rete tramite processori dedicati. Ma sulle problematiche di sicurezza perimetrale si innestano in modo crescente anche quelle della sicurezza in mobilità , punto forte della più recente offerta Nokia. Come ricorda Orlando Arena, Head of Business Mobility IT Sales di Nokia in Italia, in un incontro con Network News la collaborazione con Check Point si estende anche alla protezione dei dati in mobilità. In questo caso entra in gioco l’offerta di data security Pointsec che è supportata dagli smartphone Nokia della serie E, mentre la gestione delle flotte di cellulari aziendali è affidata alla suite Intellisync. Le attività di Intrusion Prevention vengono invece affidate nella proposta commerciali di Nokia alle soluzioni di derivazione Sourcefire che analizzano co nle loro sonde vulnerabilità e comportamenti anomali della rete aziendale. Esiste senz’altro un problema di console di gestione delle varie soluzioni che non sono unificate. Ma la ragione , spiega Arena, sta nella scelta strategica di Nokia di sposare , nella sua offerta di sicurezza per le grandi aziende , la strategia del ‘best of breed’ che garantisce comunque una piena efficacia della gestione.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore