Molteplicità di username e password addio?

Sicurezza
0 0 Non ci sono commenti

Numerosi nomi nobili dell’It sostengono OpenId, alimentando la speranza di avere un unico standard per la gestione delle identità online

La Fondazione OpenId ha annunciato oggi che Google, Ibm, Microsoft, VeriSign e Yahoo! sono diventate membri del suo consiglio d’amministrazione. Un passaggio che confermerebbe le buone intenzioni perseguite. Creata nel giugno 2007 con l’obiettivo di supportare e sostenere la tecnologia sviluppata dalla comunità OpenId. la Fondazione raccoglie singoli individui, studenti, società senza scopo di lucro, start up, giganti del settore, tutti uniti per sviluppare e promuovere la gestione delle identità aperte sul Web.

Oggi oltre 10mila siti Web supportano log-in OpenId e si stima che siano stati creati ben 350 milioni di Url abilitati a OpenId. Si tratta di una tecnologia gratuita, che semplifica l’esperienza dell’utente on line attraverso l’eliminazione di user name multipli sui siti Internet, consentendo così di avere più controllo e padronanza delle proprie identità digitali. La diffusione dell’OpenId eviterà all’utente di dover continuamente registrarsi in rete utilizzando nuove user name e password per poi doversele ricordare ogni volta che si accede ai siti Internet. Per le aziende che operano on line, questa soluzione permetterà di tagliare i costi di gestione degli account e delle password, ridurrà i rischi di violazione della sicurezza e limiterà la quantità di informazioni personali del cliente da conservare e proteggere, contribuendo a favorire la presenza di nuovi utenti.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore