Microsoft porta i database nell’era del mashup

Sicurezza
0 0 Non ci sono commenti

Il progetto Astoria offre agli sviluppatori un semplice mezzo per accedere
dal Web alle informazioni contenute nelle basi di dati aziendali.

Esporre i dati come servizi, che possono essere usufruiti da Web client nell’ambito di una rete aziendale o attraverso Internet. Questa, in sintesi, è la definizione del progetto Astoria, appena annunciato da Microsoft. L’obiettivo è di offrire agli sviluppatori un mezzo semplice e standard per realizzare applicazioni Web che possano mixare differenti altre applicazioni (la logica mashup) e debbano, dunque, accedere alle risorse di differenti database. Questo insieme di biblioteche software aiuta così a creare un livello standardizzato che si pone al di sopra della base dati e al quale può essere possibile accedere con tecniche comprensibili a ogni Web client.

Per fare un esempio, se una banca volesse realizzare un’applicazione Web nella quale sia possibile visualizzare i luoghi di shopping prediletti dagli abitanti di una certa zona e i Bancomat che si trovano a meno di cento metri da questi centri commerciali (o negozi). Il tutto su una mappa presa da Google Maps. Partendo dall’interfaccia di Google, l’utente bancario può visualizzare i dati a disposizione delle propria azienda, ma anche dai commercianti e avere un servizio informativo con la logica delle Pagine Gialle.

Finora, non esisteva un mezzo così semplice per accedere a un insieme così diverso di fonti. Con Astoria, Microsoft fa appello solamente a tecnologie Web e in particolare al protocollo Http, mentre gli scambi fra client e server avvengono attraverso il linguaggio Xml. Peraltro, se i comandi sono semplici, non si può dire lo stesso della messa a disposizione dei dati. Per gli editori di siti o servizi su Internet, così come per gli amministratori di database, saranno necessarie modifiche, anche se la struttura del database non viene impattata.

Le tecnologie del progetto Astoria dovrebbero essere integrate nel framework .Net e in Visual Studio nel giro di un anno.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore