Mcafee per la protezione dei dati

Sicurezza
0 0 Non ci sono commenti

Con Data Loss Prevention l’informazione confidenziale è protetta dentro e
fuori il firewall

Una appliance che deve prevenire la perdita accidentale o dolosa di dati aziendali di tipo confidenziale è stata resa disponibile da Mcafee nella ambito di una soluzione, Data Loss Prevention, acquisita insieme con una piccola società israeliana. Del sistema fa parte il software Data Loss Prevention Host , proposto già qualche mese fa per il controllo dei dati su stampa o accodati a un messaggio di email.
La versione host si limita a proteggere i Pc aziendali, mentre l’appliance tiene sotto controllo tutti i dati che viaggiano sulla rete aziendale e usa una tecnologia di hash per gestire i dati considerati confidenziali: il controllo riguarda anche i portatili ospiti che si collegano remotamente, i sistemi non Windows e altri dispositivi mobili compresa le email su Blackberry.

Il tema dell’annuncio è tipicamente quello del danno di immagine per l’azienda che subisce il furto e dei costi per mettervi riparo. Al di là dei problemi specifici e regolatori di ogni paese , recenti studi hanno dimostrato che il costo legato alla perdita di dati riservati può avere conseguenze molto gravi per le aziende.

Uno studio sponsorizzato da Mcafee e reso noto in questi giorni ha messo sotto osservazione 1400 società nel mondo ( in Europa, Germania , Francia e Gran Bretagna) con almeno 250 dipendenti. Circa il 60 % ha confessato di aver subito una perdita di dati di qualche tipo negli ultimi due anni e la frangia di quanti si sono dichiarati sicuri di non aver perso dati si limita a meno del 10 %. Secondo lo studio, a fronte di una violazione dei dati che porta alla divulgazione di informazioni personali, le aziende spenderebbero una media di 268.000 dollari per informare i propri clienti ? anche se i dati perduti non vengono mai utilizzati Il 61% degli intervistati ritiene che la fuoriuscita di dati venga perpetrata dai dipendenti o comunque da personale interno, e il 23% crede che tali fughe siano dolose Coloro che hanno risposto giudicano la perdita di proprietà intellettuale e informazioni finanziarie come le due più preziose categorie di dati, con un costo medio stimato per i dati finanziari persi che raggiunge 1,68 milioni di dollari.

Quello che i responsabili di Mcafee in Italia tendono a sottolineare non è tanto la novità del problema , quanto il nuovo aspetto di pubblicità negativa che segue a una rivelazione di esposizione pubblica dei propri dati. La capacità di un’azienda di prevenire una perdita di dati a livello di rete e sul client fa parte di un più generale impegno di Mcafee di presentarsi sul mercato con un portafoglio completo di soluzioni di gestione del rischio sicurezza.
Più in generale, come ha tenuto a sottolineare Ottavio Camponeschi, regional director della società per l’Italia,? una efficace soluzione di prevenzione delle perdite dei dati richiede all’azienda che la mette in atto un impegno in attività complementari che richiedono tempi medi di implementazione e coinvolgono anche aspetti organizzativi all’interno di un più vasto progetto di gestione dei cambiamenti?.
Mcafee farà questo attraverso i suoi partner di consulenza e , benché queste attività richiedano un importante investimento aziendale in servizi, la sua società non entrerà nel mondo dei servizi o della consulenza.

Mcafee dopo diverse vicende che hanno riguardato il management sembra ritornata in un ciclo di crescita sia nel segmento enterprise che nel segmento consumer . La crescita in Europa nel trimestre appena concluso è del 24 %. In generale però la battaglia nel settore consumer , con il recente ingresso di Microsoft, sta erodendo quote di mercato a Mcafee come ad altri player tradizionali, prima tra tutti Symantec.
In Italia il segmento consumer, ha dichiarato Camponeschi, è cresciuto del 50% anno su anno, anche sulla spinta della visibilità procurata alla società dalla versione gratuita di Siteadvisor, disponibile in rete sul sito di Mcafee.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore