La frode tocca i sistemi di pagamento in valuta virtuale

Sicurezza
0 0 Non ci sono commenti

Rsa: oltre al phising la frode in moneta virtuale

Cominciate piuttosto in sordina, cominciano a farsi strada sul web le frodi che utilizzano le piattaforme di pagamento elettronico virtuale, spesso al centro di accuse si riciclaggio di denaro sospetto. WebMoney e e-Gold sono state sotto al lente di un rapporto di Rsa.

Mettendo sotto sorveglianza i canali di comunicazione usati dai malintenzionati, Rsa ha osservato che la maggior parte privilegiava e-Gold per i pagamenti. Gli specialisti di sicurezza di Rsa sospettano che le transazioni monetarie tra malintenzionati avvengano attraverso questo mezzo. Da tempo le autorità giudiziarie americane sospettano e-Gold di essere implicata in diverse attività illegali, dalla frode alla pedofilia, alla pulizia di danaro sporco, ma il fondatore della società, messo sotto accusa, ha sempre negato e dalla fine dello scorso anno ha messo in atto una serie di misure per bloccare conti sospetti di valuta virtuale.

Ma se a questo punto e-Gold sembra bruciata come piattaforma di scambio di denaro virtuale,altri nomi si affacciano sul web, come WebMoney o Wmz, una piattaforma di pagamento elettronico residente in Russia. Controllando forum e siti , le persone dei laboratori di Rsa hanno visto le discussioni degli hacker spostarsi sul funzionamento di WebMoney.
A differenza di e-Gold, WebMoney è totalmente bastao su Web e non richiede installazione di software sul Pc.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore