Il mainframe-killer nasce dalla coppia Fujitsu Siemens e Sun

Sicurezza
0 0 Non ci sono commenti

Una partnership di lunga data trova ora una nuova e più fondata
concretizzazione nel lancio di server a base Sparc sviluppati congiuntamente.

Ci sono voluti quasi tre anni di lavoro congiunto, ma ora Fujitsu Siemens (Fsc) e Sun sono pronte a giocarsi insieme un’importante partita nel mondo del server. Dagli sviluppi nati con il progetto Advenced Product Line, nasce una nuova famiglia di sistemi composta di sei modelli, in grado di coprire un’ampia fascia di impiego, partendo dai circa 5mila euro del modello entry-level per arrivare a macchine in grado di competere con i più complessi mainframe. Se le macchine di fascia più bassa, denominate T1000 e T2000, utilizzano il già noto processore UltraSparc T1, gli altri server, ovvero i midrange M4000-M5000 e gli high-end M8000-M9000, montano i nuovissimi Sparc 64 VI creati da Fsc su licenza Sun.

I modelli entry level ospitano al momento due processori quad core, ma è già prevista l’espansione a quattro in breve tempo. Inoltre, vengono offerti 64 Gb di Ram e una capacità di virtualizzazione che può arrivare a gestire 32 macchine virtuali. I sistemi midrange possono arrivare a 64 socket dual core, con processori che arrivano a 1,4 GHz e memoria fino a 2 Tb. Infine, i server high-end offrono 32 o 64 core, a seconda dei modelli, velocità fino a 2,4 GHz e anche qui fino a 2 Tb di memoria.

Tutti i nuovi server ospitano il sistema operativo Solaris 10 di Sun, compatibile a livello binario con le precedenti versioni 8 e 9, ottimizzato per la virtualizzazione e dotato di sistema di ?auto-cura? e sicurezza multi-livello. Come ha sottolineato Giuseppe Magni, direttore marketing di Fujitsu Siemens, ?sulla virtualizzazione sono stati compiuto sforzi congiunti molto significativi, tanto che le macchine la possono offrire in quattro differenti modalità, che vanno dalle partizioni hardware al resource management, passando per i logical domains e la virtualizzazione a livello di sistema operativo?.

I nuovi server vengono posizionati dalla coppia di partner in diretta competizione con macchine come i P Series di Ibm o gli Hp Integrità. Le macchine saranno vendute in modo autonomo dalle forze commerciali delle due aziende, ovviamente cercando in tutti i modi di non creare competizione diretta su specifici clienti. A questo occorre aggiungere, come ha ribadito Giuseppe Facchetti, direttore tecnico di Sun, che ?i nuovi server vanno ad aggiungersi alle rispettive famiglie di prodotti già esistenti? e questo rischia di creare qualche problema di sovrapposizione con i SunFire o i modelli Bs di Fsc. Infine, va sottolineato come nei piani di sviluppo architetturale di Sun ci sia il processore Rock, previsto per il 2008 e verosimilmente destinato a offrire prestazioni più significative degli Sparc64 VI sulla stessa fascia di prodotti.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore