Ibm rilascia il nuovo server System x3950

Sicurezza
0 0 Non ci sono commenti

Si aggiorna la gamma dei sistemi X dove BigBlue potenzia le tecnologie per la
virtualizzazione.

Nell’ultimo quadrimestre dell’anno Ibm alza il sipario su un nuovo server, il modello System x3950 M2 che include x4, il chipset Intel di quarta generazione per le machine x86, e integra un hypervisor per la virtualizzazione che consentirà di far girare contenporaneamente sull’host una molteplicità di sistemi operativi.

Oltre a garantire maggiore efficienza e performance, System x3950 include un’interfaccia Usb interna che connette il software di virtualizzazione precaricato su una memoria flash Usb da 4 Gbyte al chipset. Il il modello x3950 offre anche un doppio slot di memoria rispetto alla versione precedente ed ha una capacità di memoria quadruplicata, il che incrementa la mole dei carichi di lavoro supportati in chiave virtualizzata. Introdotta da Ibm nel 1997 x4 rappresenta l’ultima versione del chipset X-Architecture ed è la seconda che include capacità di virtualizzazione: la versione x3, introdotta nel 2005, conteneva già tecnologia virtuale. A detta del portavoce aziendale, l’ultima integrazione è stata costruita attorno al processore Xeon denominato Tigerton, di prossimo lancio.

Secondo Gartner se da un lato la virtualizzazione è un trend sicuro rispetto all’evoluzione delle esigenze dei data center, d’altro canto potrà costituire un elemento di debolezza. Prima della fine del 2008, secondo gli analisti, gli hypervisor potranno costituire il tallone d’Achille per hacker e virus writer.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore