Ibm: nuovi server Xeon in rampa di lancio

Sicurezza
0 0 Non ci sono commenti

Sono in fase avanzata di sviluppo alcune nuove macchine multiprocessore a
base Intel, ma anche un programma per attirare un maggior supporto software

Entro l’anno, Ibm ha in progetto di annunciare la propria quarta generazione di server high-end a base Intel, che dovrebbero montare i modelli quad-core Tigerton, appartenenti alla gamma Xeon. Com’è già accaduto per altri modelli della gamma, Intel fornirà il oecuore? dell’architettura, che Ibm complementerà con un proprio chipset, dedicato alla connessione dei processori alla memoria, al networking, allo storage e ad altre componenti dell’architettura. Questa tecnologia, arrivata alla quarta generazione e denominata X4, sarà rilasciata in linea con l’annuncio degli Xeon Tigerton, previsto per la seconda metà del 2007. Si tratta della naturale evoluzione dell’architettura X, partita negli anni Novanta e indirizzata ai server x86 di fascia più alta.

I sistemi x4 in fase di sviluppo si presentano con ambizioni che coinvolgono più soggetti. La stessa Intel, infatti, spera con queste macchine di poter recuperare il terreno lasciato sul campo all’avanzata di Amd, mentre Ibm vorrebbe erodere quote di mercato a Hp e promuovere meglio il concetto di server x86 high-end. L’attuale chipset X3c ?Hurricane? supporta configurazioni fino a 32 processori e il futuro X4 continuerà lungo questa strada, anche se Ibm limiterà le configurazioni a livelli di potenza che Windows e Linux siano in grado di reggere.

Allo scopo di stimolare lo sviluppo di un mercato ancora, per molti versi di nicchia, Big Blue lancerà in maggio un’iniziativa chiamata Scalebuilder Program, che vuole spingere gli Isv (Independent Software Vendor) a sensibilizzarsi su quanto il codice possa trarre beneficio dall’impiego di sistemi multiprocessore o multicore, che possono svolgere diversi compiti in parallelo.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore