Ibm attacca Hp sul blade

Sicurezza
0 0 Non ci sono commenti

Ibm: i nostri blade meglio di Hp

Sul fronte puramente tecnologico i blade server rappresentano l’ultimo stadio evolutivo delle piattaforme hardware. Il loro utilizzo consente di rispondere a esigenze che sono sempre più nella lista delle priorità di data center e web farm, luoghi dove la concentrazione e il numero di server è elevata. I blade permettono infatti di ridurre e migliorare il rapporto spazio/potenza e di conseguenza ridurre le aree occupate dai sistemi, così come ridurre il consumo di energia e diminuire la dissipazione di calore rendendo meno stressante l”utilizzo dell’impianto di condizionamento. Ciascun blade (lama) corrisponde a un singolo sistema e più e più blade possono essere configurati all’interno di un blade server.

3up_cms4u-250px.jpg

Si può ben capire come la competizione tra i grandi fornitori hardware si giochi in questo momento anche sulla capacità di consegnare macchine che di per sé sono in grado di ridurre tangibilmente i costi di un data center. Ibm, per esempio, ha affermato di avere effettuato prove di laboratorio dalle quali si evedenzia come i sistemi blade di Hp assorbano una quantità di energia superiore ai propri sistemi. Secondo Big Blue il modello BladeCenter LS21, basato su processori Amd Opteron utilizza il 30% in meno di energia rispetto al modello Hp Bl465c, anch’esso basato su Amd Opteron. in stato idle (di non funzionamento) e il 18% in meno quando utilizzati a pieno regime .

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore