Cheetah toglie la maschera e si rivela come Ids 11

Sicurezza
0 0 Non ci sono commenti

Ibm ha rilasciato Informix Data Server 11, database Web services oriented e
con tanti plus tecnologici da farne, secondo gli esperti, una futura minaccia
per la supremazia di Oracle.

A meno di un anno dal rilascio del data server Db2 9 Viper, piattaforma database acquisita qualche anno fa da Informix, Ibm ha annunciato di aver approntato Informix Dynamic Server 11, nome definitivo del prodotto fino ad oggi chiamato Cheetah, che sarà in vendita dal 6 Luglio sui mercati americani.

Il profilo tecnologico di Ids 11? L’integrazione di una nuova metodologia per il controllo degli accessi ai dati sensibili immagazzinati nei database, il supporto per gli strumenti di clusterizzazione, grazie a un plus tecnologico denominato Mach 11 che provvede al recovery da qualsiasi nodo della rete assicurando la business continuity. Il tutto accompagnato da una semplificazione a livello di gestione in una logica di salvaguardia degli investimenti.
Grazie al Label Based Access Control (Lbac), gli utenti utenti possono definire livelli gerarchici e classificazioni applicando le definizioni alle informazioni gestite: all’interno del database attraverso un controllo che può essere fatto a livello di cella, di riga o di colonna, in modo da poter monitorare gli accessi ai dati sensibili memorizzati all’interno del database.

Secondo Bloor Reasearch, dall’acquisizione di Informix, Ids 11 rappresenta la release più significativa anche se ha dei dubbi sul fatto che Oracle, principale competitor di Ibm sul fronte dei database, possa seriamente preoccuparsi del suo ingresso sul mercato. Prima Informix aveva come mercato di riferimento gli Isv e i Var, ormai senza troppi sbocchi. A cambiare lo scenario, secondo gli analisti della società inglese, sarà più che altro la diffusione dei Web services. Utilizzati soprattutto da sviluppatori con un orientamento alle business analisys, e dunque alla ricerca di una pluralità di data sources Web service-based,di facile accesso e di performance avanzate saranno il fattore che potrà fare la differenza. La combinazione delle caratteristiche Web services di Ids 11 con le più alte performance potrebbe davvero andare a intaccare il primato di Oracle in un prossimo futuro.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore