PRODOTTI

Nuovo iPad, come si smonta il display

SLIDESHOW Il nuovo iPad fatto a pezzi

Ecco il nuovo iPad smontato pezzo per pezzo da iFixit. Sotto la lente pregi e difetti del tablet di Apple e un’analisi di tutte le componenti. Ma non fatelo anche voi…

I nostri “cugini” di eWeek.com hanno messo sotto la lente di ingrandimento i componenti del nuovo iPad, forti del contributo di iFixit. Il risultato è che il nuovo iPad di Apple, può anche non stupire più di tanto per le caratteristiche esteriori, ma rappresenta a tutti gli effetti la compiutezza del progetto iPad, nel tempo. Allo stesso tempo iPad non è nemmeno un progetto talmente maturo da essere arrivato al capolinea, tuttaltro. In Apple probabilmente pensano che non abbia senso spostare troppo in avanti l’asticella, mentre gli altri vendor – almeno nel mercato dei tablet – arrancano ancora. E sarà così, secondo gli analisti, per tutto quest’anno.

Quando accendete il nuovo iPad vi coglie però immediatamente lo stupore di un display ineguagliato con risoluzione 2.048×1.536 cui vi abituerete presto, ma che vi farà altresì rimeditare anche sulla necessità di acquistare un vero ebook reader, perché la soddisfazione già così è enorme. Nel nostro slideshow l’analisi dei componenti e le considerazioni sul nuovo device. Appuntamento in Italia per il 23 marzo.

Il nuovo iPad, ci guadagnano le app

Picture 2 of 12

il device non cambia, ma cambia l'esperienza d'uso. Con il nuovo display e il processore più reattivo, anche se in Italia non si potrà apprezzare LTE almeno per un anno, aumenta ancora la piacevolezza nell'utilizzo.

 

 

 

 

 

 

 

I contenuti di Techweekeurope.it sono disponibili su Google Currents: iscriviti adesso!

Commenti




3 replies to SLIDESHOW Il nuovo iPad fatto a pezzi

Lascia un Commento

  • I campi obbligatori sono contrassegnati *,
    L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>