NEWS

wmworld2012 apertura

Vmworld 2012: verso datacenter completamente virtuali

A San Francisco VMware presenta una carrellata di annunci in ambito cloud, con al centro la vCloud suite 5.1 che integra prodotti di virtualizzazione, infrastuttura e gestione cloud in una unica soluzione. Nasce il datacenter interamente definito dal software, in ottica di semplificazione. Presentato anche vSphere 5.1, in aperta competizione con Microsoft

Si è aperto domenica nel cuore di San Francisco, al Moscone Center, il VMworld 2012 l’appuntamento dedicato al mondo VMware, con oltre 20 mila partecipanti e 250 espositori. Un evento dedicato a clienti e partner che spingono sul cloud e che Paul Maritz, ceo uscente di VMware che lascerà dal primo settembre la scena all’entrate Pat Gelsinger, motiva nel keynote di apertura. “Qui a VMworld,  VMware e i propri partner compiono un grande passo avanti verso la semplificazione dell’IT, offrendo ai propri clienti tutto il necessario per definire e gestire gli ambienti cloud”. Semplificazione che passa dagli annunci di prodotto ma anche dal coinvolgimento dei partner per affrontare i clienti.

Pat Gelsinger, ceo di Vmware

Pat Gelsinger, ceo di Vmware

In tema di semplificazione l’annuncio clou della giornata è la nuova VMware vCloud Suite 5.1, una offerta unificata che integra i prodotti di virtualizzazione, infrastruttura e gestione cloud in un’unica soluzione. Un approccio che ribalta la percezione dei clienti: il datacenter viene interamente definito dal software, concentrando le risorse hardware in un pool aggregato automatizzato e sicuro. In questo modo i datacenter diventano completamente virtuali e i vantaggi della  virtualizzazione vengono estesi a tutti gli ambiti del datacenter e ai servizi associati. “La nuova VMware vCloud Suite è in grado di fornire un datacenter interamente definito dal software, struttura portante per implementare il cloud computing” precisa Maritz. E sarà il nuovo corso,  con il datacenter definito dal software, a creare per Gelsinger il “virtual datacenter” del futuro, con Vmware impegnata in un mondo “multi-cloud” con cloud pubblico, privato e ibrido. “Continuerò sulla strada tracciata da Maritz e VMware rimarrà un’azienda indipendente che continuerà a lavorare per i partner e per il proprio ecosistema” precisa Gelsinger

Non da meno l’annuncio di VMware vSphere 5.1 in aperta sfida contro Microsoft, perché l’aggiornamento arriva nello stesso momento in cui Microsoft si appresta a rilasciare Windows Server 2012, che gestisce gli ambienti virtuali e cloud e comprende Hyper-V. E senza misteri Paul Maritz ricorda il programma di Microsoft rivolto ai partner, lanciato alla Wordwide Partner Conference di Toronto lo scorso luglio, di migrare da VMware a Hyper-V, esprimendo scetticismo sul fatto che Microsoft abbia finalmente messo a punto un vero concorrente all’offerta VMware. “Le richieste essenziali di ammodernamento dell’IT, per garantire la continuità delle attività e rispondere rapidamente alle richieste del business, sono identiche indipendentemente dalla grandezza dell’azienda. Per questo vSphere 5.1 è la suite pensata per le Piccole e Medie Imprese, che consentirà di adottare con semplicità soluzioni per la virtualizzazione, la business continuity e la gestione automatizzata tipiche di aziende di grandi dimensioni - afferma Russ Stockdale, vice president e general manager SMB Solutions di VMware -. La sfida maggiore che le PMI devono affrontare è far fronte a queste richieste con una divisione IT di proporzioni ridotte”.

Ma passare al cloud non è solo adottare nuove tecnologie, ma valutare risvolti finanziari, culturali e di processo. A questo risponde il nuovo VMware Cloud Ops, un modello di business costruito sull’esperienza di VMware nell’aiutare i clienti a districarsi fra le complesse decisioni su come costruire, far girare e ottimizzare ambienti cloud pubblici e privati.  Accanto a Cloud Ops, operativo fino da subito, lanciato Cloud Ops Forum: tra i primi partner Accenture, Atos, Capgemini, CGI, CSC, Dell, Deloitte, EMC, HP, Infosys e T-Systems.

Emanuela Teruzzi
Autore: Emanuela Teruzzi
Direttore Responsabile
Emanuela Teruzzi Emanuela Teruzzi Emanuela Teruzzi

I contenuti di Techweekeurope.it sono disponibili su Google Currents: iscriviti adesso!

Commenti




2 replies to Vmworld 2012: verso datacenter completamente virtuali

Lascia un Commento

  • I campi obbligatori sono contrassegnati *,
    L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>