Vmware e l’Italia

Network
0 0 Non ci sono commenti

Tanto mercato e, tra un po’, nuovi prodotti. Un consuntivo per Vmware

Due punti di svolta attendono Vmware nei prossimi mesi. Il primo, previsto per l’estate , è la quotazione in borsa del 10 % delle azioni deciso dalla casa madre Emc. Il secondo è l’evento Vmworld 2007 che a settembre polarizzerà la nuova offerta di soluzioni e prodotti.
Nel frattempo, accompagnato dalla disponibilità di un macchina virtuale per ambiente Macintosh in grado di riprodurre gli Os Windows, arriva l’annuncio del disponibilità della versione 2 di Ace Enterprise Edition. La soluzione premette alle imprese che devono gestire un parco consistente di personal computer di creare un ambiente standard che integri al suo interno sistema operativo, dati e applicazioni , salvaguardando le policy di sicurezza It. Una versione ?tascabile ? permette la messa in produzione di una macchina virtuale completa per mezzo di un dispositivo di memoria portatile ( hard disk o memoria flash).

La macchina promozionale di Vmware prevede però una serie di appuntamenti locali della società con i clienti. A Milano pochi giorni fa si è svolta la seconda edizione di Vmware Beyond Boundaries 2007. Se lo scorso anno Vmware ha approfittato dell’evento per il lancio della major release del suo ambiente di virtualizzazione, questa volta si è presentata l’occasione per un piccolo bilancio italiano sull’adozione di queste tecnologie, che per riprendere le parole di Alberto Bullani, country manager della società, ? sono uno dei temi caldi del mercato It?. Questo vale in particolare in questo momento in cui le banche e le istituzioni finanziarie, tradizionalmente grandi consumatrici di risorse It e di tecnologie di virtualizzazione e consolidamento stanno affrontando le problematiche di fusione di sistemi informativi a seguito di operazioni di merging o acquisizioni.

Come spiega Bullani a Network News, ? si è passati dai progetti ini ziali piuttosto circoscritti a grandi progetti che riguardano soprattutto le attività di filiale. Sta cambiando la modalità d’uso della virtualizzazione e le idee più creative sono state trovate dai nostri clienti?. Per di più, secondo Bullani, è quasi impossibile in Italia trovare banche che non abbiano adottato Vmware. Il secondo mercato per Vmware in Italia è ormai costituito dal settore pubblico, seguito dal mondo delle telco, tradizionali consumatrici di risorse e alle prese con operazioni di consolidamente e di risparmio energetico nei consumi dei grandi data center.

Un’ applicazione innovativa della virtualizzazione che ha avuto spazio nelle presentazioni di Beyond Boundaries 2007 è stata proposta in ambito di sicurezza e di disaster recovery. Ancora una volta le più interessate a queste soluzioni sembrano essere le banche. Come spiegano in Vmware si può ottenere di gestire due siti clonando macchine virtuali e senza le necessità di tenere in vita due repliche hardware esatte dell’infrastruttura. Una soluzione Vmware è in grado di eliminare diversi fattori di complessità per gli utenti e nello stesso tempo ridurre i costi delle operazioni di ripristino delle attività in caso di guasto o incidente. Un altro vantaggio sta nella possibilità di eseguire in maniera più frequente i test di ripristino con riconfigurazione dei sistemi, senza impatti sulle macchine in produzione.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore