Storage Networking World, il mondo dello storage europeo a confronto

Data storageMobilityNetwork
0 0 Non ci sono commenti

Gli ultimi annunci per soluzioni e prodotti di storage che arriveranno a breve anche in Italia 

Anche in eventi espositivi molto verticali e focalizzati come lo Storage Networking World (Snw) 2007 della settimana scorsa a Francoforte è difficile trovare uno o più motivi conduttori per le novità di prodotto o le nuove soluzioni presentate.
Volendo tentare una sintesi di Snw 2007 , forse i temi emergenti sono stati due: l’associazione delle tecnologie di sicurezza con quelle di storage, in modo specifico per adeguare la gestione dell’It aziendale alle esigenze sempre più strette di compliance, e le nuove tecniche per permettere la continuità della gestione di una mole sempre più invadente di dati, dalla deduplicazione alle librerie virtuali.

Potrebbe essere significativo partire da Hp che ha focalizzato i suoi annunci sulla gestione della sicurezza in una accezione molto particolare come la gestione delle chiavi di encryption in funzione per codificare i dati contenuti in nastri che devono essere conservati nel tempo per essere poi letti in momenti molto lontani o in situazioni di emergenza per il ripristino di informazioni aziendali. Come abbiamo già riferito, Hp ha presentato una appliance per la gestione centralizzata delle chiavi di codifica. La nuova appliance di sicurezza centralizzata dovrà facilitare il compito dell’It manager impegnato nei data center a gestire le chiavi di sicurezza dell’azienda. Storageworks Secure Key Manager permette di consolidare la gestione delle chiavi di codifica dei dati nei dispositivi di memoria, in particolare le unità’ a nastro che utilizzano cartucce Lto 4 attraverso un unico punto di controllo che arriva a tutta la periferia dell’azienda. L’appliance è l’ultima aggiunta al portafoglio di soluzioni di sicurezza, hardware, software e servizi che Hp raggruppa nel framework Secure Advantage, nato per fornire sicurezza integrata end-to-end dal data center al desktop alla stampa in rete.

Ancora sicurezza , ma all’interno di una più ampia soluzione di governance per tutta l’informazione aziendale attraverso piattaforme eterogenee per assicurare l’azienda sul fronte della compliance e della legalità senza modificare i repository esistenti o le procedure aziendali. È questa l’ambizione di Ca con la sua soluzione di Information Governance. Il punto per Ca è offrire una soluzione totalmente “ agnostica “ rispetto all’infrastruttura It , ma in grado di controllare e gestire l’informazione aziendale spesso dispersa attraverso diversi sistemi di gestione della documentazione, di collaboration, di archiviazione della posta elettronica e di documenti fisici.

Anche Quantum, a un anno dalla acquisizione di Adic, si propone il tema della gestione delle chiavi di encryption che siano in grado di lavorare con i nastri Lto della quarta generazione nelle operazioni di backup e ripristino e disaster recovery . L’Encryption Key Manager di Quantum opera sulle librerie a nastro della serie Scalar i500 e i2000. Il software usa un particolare algoritmo per assicurare che ogni chiave sia unica e imprevedibile. Il software non intacca le prestazioni del backup sui media Lto-4.

Al centro della partecipazione di Netapp a Snw 2007 era un sistema di storage per il midmarket della serie Fas 2000 , adatto per aziende da cento a mille dipendenti, in grado di consolidare sistemi di Direct Attached Storage (Das) in un’unica struttura di rete. I Fas 2000 possono gestire dischi Sata e fino a 3,6 Tb all’interno di uno chassis di formato U2.

Ancora la fascia delle utenze aziendali medie se non piccole al centro degli interessi di Fujitsu Siemens Computers che per quel tipo di aziende propone soluzioni di storage che portano la sigla FibreCat. L’intento è di agevolare l’installazione dei sistemi di storage presso aziende spesso prive di competenze tecniche attraverso la installazione preliminare del software di gestione e l’utilizzo di interfacce web. I prodotti di tape automation della linea FibreCat portano la sigla Tx, mentre i sistemi di Storage Area Network portano la sigla Sx. In entrambe le categorie ,Fsc ha annunciato novità.
Per i sistemi su disco arriva il nuovo Sx88 che si colloca nelle fascia più alta delle prestazioni, per i sistemi su nastro la novità riguarda un modello entry Tx08 che si rivolge per il suo prezzo alle aziende più piccole. Le San realizzate con FibreCat Sx88 possono lavorare con collegamenti a 4Gbps su Fiber Channel. Tutti i componenti più importanti , controller Raid, hard disk , alimentatori e ventilatori sono rimpiazzabili a caldo senza spegnere il sistema. Si possono mescolare dischi Sata II e dischi Sas. La capacità del sistema può arrivare a 42 Tb.
Due magazzini e 4 slot caratterizzano il FibreCat Tx08 che utilizza unità a nastro Lto -2 e Lto-3 per una capacità totale di storage di 6,4 Tb. Può gestire in modo automatico, eliminando ogni possibilità di errore umano di caricamento dei nastri, i backup giornalieri per otto giorni lavorativi. Compresa nel sistema una versione del software di backup Brighstor Arcserve.

Il backup in tempo utile per non intralciare l’operatività quotidiana delle aziende passa anche, quando sono in gioco le grandi quantità di dati delle librerie virtuali, attraverso le tecnologie di deduplicazione dei dati e delle informazioni che risiedono su disco. Tra le diverse tecniche di deduplicazione offerte sul mercato spicca quella sviluppata al suo interno da Diligent Technologies basata su di un algoritmo chiamato Hyperfactor che si presta particolarmente bene per le necessità dei grandi data center. La soluzione prende il nome di Protectier. Già disponibile su grandi sistemi a disco di Sun e Hitachi Data Systems , Protectier è ora al centro di un accordo con Overland, le cui Vtl hanno capacità più ridotte e particolarmente adatte alle strutture aziendali italiane. Le appliance Vtl della serie Reo di Overland Storage con la nuova tecnica di deduplicazione acquistano un incremento fino a 25 volte di capacità dei dati. Le operazioni di configurazione sono ridotte a poche ore, mentre non si richiedono cambiamenti alle procedure prestabilite di backup e di gestione delle informazioni. La sigla della nuova Vtl di Overland è Reo 9500D.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore