Siemens porta la comunicazione unificata alle Pmi

Network
0 0 Non ci sono commenti

Il fornitore propone una soluzione pronta all’uso, con gestione delle presenze, telefonia su VoIp, convergenza fisso-mobile e integrazione con Outlook.

Il fornitore tedesco Siemens ha appena presentato una soluzione di comunicazione unificata per imprese piccole e medie che impiegano fino a 150 dipendenti. Battezzata HiPath OpenOfficeMe, essa si presenta sotto forma di un server dedicato, all-in-one e pronto all’uso, con l’intento di proporre qualcosa di semplice tanto da utilizzare come da implementare.

L’offerta fa leva su tre elementi portanti. Il primo, OpenScape Office, gestisce le presenze e si ispira al suo fratello maggiore, OpenScape Enterprise, destinato alle grandi imprese e rivenduto anche da fornitore terzi, come Ibm. Lo sviluppo, tuttavia, è nuovo e fondato sulle esigenze delle Pmi. Oltre al gestore manuale e automatico delle presenze, OpenScape Office si occupa della notifica e dell’indirizzamento dei messaggi, dell’instant messaging, delle conferenze (fino a otto persone) e dell’integrazione con Outlook. Queste funzioni sono accessibili tramite l’interfaccia grafica MyPortal o direttamente da Outlook, conun plug-in addizionale.

Il secondo pezzo portante dell’offerta è un Ipbx, che propone funzioni di telefonia puramente Ip. Si tratta, infatti, di una versione dell’autocommutatore convergente HiPath 3000, al quale sono state tolte le capacità di telefonia analogica Tdm. Il sistema supporta il protocollo Sip e la convergenza fra telefonia e informatica. Sono presenti, fra l’altro, soluzioni avanzate, come il numero unico, lo standard telefonico, il posto operatore, la convergenza fisso-mobile e la chiamata automatica.

Il terzo elemento portante di HiPath OpenOffice Me ingloba la connettività. Il sistema, infatti, integra quattro porte Lan Gigabit, una porta Dmz Gigabit, una porta Wan e due porte Usb. Queste interfacce permettono di installare una rete completa, con telefoni Ip o softphone. Alcune schede opzionali consentono di integrate, per esempio, terminali analogici o Isdn. Disponibile in Italia nella prima parte del prossimo anno, la soluzione viene proposta a partire da 3.200 euro.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore