Quando la rete punta all’application delivery

Network
0 0 Non ci sono commenti

Paparelli (F5 Networks): l’utente vuole disponibilità immediata e sicura

I volumi di traffico via Internet sono in continua crescita, mentre le applicazioni che vanno installate sulla rete aziendale diventano sempre più complesse per l’introduzione delle tecnologie Soa e di funzionalità di supporto al cosiddetto web 2.0.
Tra le sue numerose segmentazioni di mercato Gartner ha individuato anche quella delle soluzioni e degli apparati per l’application delivery e per l’accelerazione delle applicazioni. Si tratta di prodotti che lavorano a livello 7 della pila Osi e sono usati dalle aziende per ottimizzare affidabilità e garantire le prestazioni richieste per l’utente finale, migliorando il funzionamento dei software applicativi sulle reti. Tra i produttori che si sono focalizzati sulla soluzione di questo tipo di problemi vi è da tempo (sempre citata da Gartner) F5 Networks, cui Manlio Paparelli, country manager per l’Italia, rivendica un primato di quote di mercato (oltre un terzo del totale mondiale) e una sorta di primogenitura che si è tradotta in un immediato vantaggio tecnologico sulla concorrenza.

Con l’evoluzione delle applicazioni verso le architetture Soa e i web services e con la necessità di risposte dinamiche e in tempo reale alle sollecitazioni dell’utenza nasce la necessità di un controllo accurato delle prestazioni di reti sempre più complesse. In più le possibilità di virtualizzazione della rete al servizio di diverse comunità di utenti e clienti, che lavorano con applicazioni web, parlano con la voce su Ip , si intrattengono con l’Iptv, comunicano con la messaggistica, devono essere messe al servizio di una riduzione dei costi di gestione e di manutenzione. Spiega Paparelli, ? F5 propone soluzioni di networking orientate all’application delivery che richiedono competenza in tre aree: networking, sicurezza e applicazioni. Al centro dei nostri interessi è l’utente per il quale vogliamo ottimizzare e rendere più fruibili le applicazioni. Nel passato si parlava di semplici bilanciatori , ora sono le applicazioni che guidano la nostra marcia e dobbiamo tener presente che l’utente deve ottenere un beneficio immediato. Una volta si parlava di capacità di networking, di numero di porte, di capacità di porte. Ora questo conta meno. Ciò che conta è la specializzazione sulle applicazioni e la velocità di messa in produzione?.

F5 tiene stretti rapporti con Sap, Microsoft e Oracle. Dopo aver lavorato a unificare ogni soluzione sul sistema operativo Tmos, ora F5 è al lavoro per renderlo subito utilizzabile in questi ambienti specifici. La società ha messo a punto per applicazioni Microsoft e Sap delle architetture che chiama di Application Ready Network. Nel caso di Microsoft l‘Application Ready Network di F5 Networks è stata progettata per sviluppatori di applicazioni, architetti e professionisti della rete. La rete funziona come una piattaforma di sistema riutilizzabile e aperta per un’organizzazione che si evolve attraverso l’ Infrastructure Optimization Model di Microsoft. L’infrastruttura di rete è progettata e ottimizzata espressamente per Office 2007, comprende SharePoint Server 2007, Exchange Server 2007, Live Communications Server 2005, e dovrà supportare Office Communications Server 2007. Funziona come una semplice rete overlay che si avvale dei punti di forza e dei miglioramenti che Microsoft ha apportato al suo portfolio Office. Application Ready Network rimuove i colli di bottiglia esterni al controllo dell’applicazione, come la latenza della Wan, che penalizzano e possono mettere a rischio le applicazioni nella fase di deployment, migliora le prestazioni del cliente, crea una condizione di sicurezza globale, unifica le politiche di controllo degli accessi con le pratiche di miglioramento. L’Application Ready Network per le applicazioni Sap è stata progettata per integrare le architetture Soa delle organizzazioni con le applicazioni Sap.

Oltre a ciò F5 fornisce anche servizi professionali , coinvolgendo i suoi partner. D’altro lato la società a messo a punto un portale orientato agli sviluppatori (devcentral.f5.com) per la condivisione di soluzioni e applicazioni sviluppato con la tecnica collaborativa dei wiki con forum, blog , risorse.

E il mercato italiano? Paparelli riconosce che Tlc ( ?tutti i principali operatori?) e banche ( ?tutte le principali banche?) sono lo zoccolo duro di F5 in Italia, ma ? un settore in crescita è anche quello della pubblica amministrazione coinvolta nel realizzazione di portali web e di servizio al cittadino. Un altro settore emergente è quello dell’entertainment e del gioco online?. E se nel mondo F5 cresce di fatturato a un ritmo del 60-70% annui , in Italia il tasso do crescita è ancora più alto con il raddoppio di anno in anno.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore