Problematico il passaggio al Voip

Network
0 0 Non ci sono commenti

Scarsa qualità e affidabilità sono le due principali problematiche delle
implementazioni Voip. Lo rivela unoeindagine di Compuware

Da un’indagine commissionata da Compuware è emerso che il 73% dei responsabili It europei intervistati è tuttora preoccupato della qualità e affidabilità della tecnologia Voice over Ip. Considerato che, secondo le previsioni di Frost & Sullivan, entro il prossimo anno circa il 75% del traffico vocale mondiale si baserà su Voip, questo risultato mette in risalto il fatto che pur essendo interessate alle economie e alla funzionalità di Voip, le aziende hanno ancora gravi preconcetti sull’effettiva affidabilità della tecnologia.

Il sondaggio ha inoltre rivelato una possibile causa di questi preconcetti: oltre un terzo delle aziende non realizza un profilo delle prestazioni delle applicazioni vocali prima dell’implementazione, quindi non è in grado di prevedere l’impatto che avranno sulla rete e, di conseguenza, di essere rassicurate circa la qualità e l’affidabilità. Oltre a ciò, non vengono implementate correttamente strategie atte a monitorare la qualità delle chiamate Voip una volta che il sistema è installato.

Solo l’8% delle organizzazioni gestisce e controlla le chiamate a livello individuale o è disposto ad adottare queste misure. Il 37% dei responsabili It si affida al feedback retrospettivo degli utenti e, di conseguenza, i problemi possono essere risolti solo dopo che si sono verificati. Il 29% delle aziende utilizza occasionalmente sistemi di test che, oltre a sovraccaricare ulteriormente la rete, significano l’impossibilità di tenere traccia dei problemi che si verificano a orari inconsueti del giorno o durante la notte.

L’indagine ha inoltre rivelato che il 72% dei reparti It assume un approccio di tipo ” totalitario” al monitoraggio della rete, analizzando solo l’uso complessivo della rete, anziché esaminare i comportamenti individuali e l’utilizzo di ogni applicazione. Ciò significa che la qualità del servizio di Voip può risultare compromessa, anche se l’organizzazione utilizza un approccio basato su CoS (Class of Service) su una rete Mpls, in quanto i reparti It non disporranno del necessario livello di dettaglio delle prestazioni applicative. Se, per esempio, una chiamata Voip è caratterizzata da un’elevata frammentazione della voce, probabilmente a causa di un problema in uno dei nodi della rete, questo aspetto potrebbe passare inosservato perché Voip non genera necessariamente un elevato volume di traffico, anche se la qualità della chiamata è inadeguata.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore